Amici 21 inediti

Tutte le nostre mini-recensioni dei nuovi inediti presentati prima della finale dell’edizione

  • KARMA – Albe

Vuol fare ballare e canticchiare nel nome della leggerezza della pre-estate Albe che, nel segno del percorso tracciato da Sangiovanni lo scorso anno, è già al proprio secondo tentativo di realizzare un brano con le potenzialità per funzionare anche d’estate. In questo caso il tentativo si realizza sfruttando un bit che utilizza la distorsione elettronica per strutturare un inciso non contato che, però, suggerisce i movimenti di coreografie irresistibili. La scelta potrà rivelarsi funzionale e vincente. A convincere poco è, in alcuni punti, la dizione messa al servizio della necessità sillabica di un cantato fin troppo spezzettato. VOTO: 6+

  • SENZA CHIEDERE PERMESSO – Alex

C’azzecca poco con l’arrivo della stagione più calda questo nuovo singolo di Alex che, però, non si è mai dimostrato eccessivamente attento alle logiche discografiche di mercato nel proporsi. In questo caso il pezzo arriva direttamente da Michele Bravi (e dal suo team di lavoro formato da Federica Abbate, Cheope e Katoo). Il brano è una tipica ballata pop all’italiana che la produzione riveste di contemporaneità con qualche spruzzata di suono elettronico e sintetico. La voce di Alex è piena e potente (malgrado doppie voci che ne diluiscono il tono). C’è l’insistenza sull’utilizzo del falsetto che non sempre risulta azzeccata. Il brano, però, gira e convince pur senza strafare o stupire sul piano dell’innovazione. VOTO: 7

  • BANDANA – LDA

Il figlio d’arte di quest’edizione (e già eliminato dal rush finale di un’edizione lunghissima come questa numero 21 di Amici) si gioca un singolo che si rivela il più adatto alla stagione estiva e alla rotazione radiofonica già alla ricerca di leggerezza e spensieratezza. La firma di Benjiamin Mascolo (ex Benji & Fede) si rivela essenziale per realizzare un pezzo con il giusto potenziale per riuscire a catalogarsi come vero e proprio tormentone. La produzione di Zef non è nuova alle esigenze di far suonare con un sapore leggermente latino un pezzo destinato alle spiagge e alle playlist dei giovanissimi. Costruito per funzionare. VOTO: 7-

  • TIENIMI STANOTTE – Luigi

Si spoglia del proprio lato cantautorale Luigi per affidarsi ad un brano scritto e musicato completamente da Giordana Angi. La talentuosa cantautrice rinuncia alla sua dimensione più profonda per creare un brano con delle venature di leggerezza che vengono esaltate dalla produzione sonora curata dallo stesso Luigi in collaborazione con Gabriele Cannarozzo. L’idea centrale del brano è quel “tienimi stanotte” che risulta essere un mantra già sperimentato dalla penna della Angi che qui racconta di un amore passionale che rimane fisso nella memoria. Il brano è gradevole all’ascolto e imperniato di quel sentore primaverile che ne consente l’esaltazione dell’elemento d’orecchiabilità ma, contemporaneamente, corre il rischio di scivolare via senza lasciare troppa traccia di sè. VOTO: 6.5

  • DOVE SEI – Sissi

Anche qui c’è lo zampino di Giordana Angi nella scrittura anche se a partecipare c’è anche la stessa Sissi che, nel finale del suo percorso ad Amici, incappa probabilmente nel più debole degli inediti fin qui proposti. La brava interprete di Como opta per una ballata pop contemporanea che si distende se di un cantato piuttosto melodico ed una produzione di Riccardo Scirè che utilizza le doppie voci ma non riesce a creare quell’effetto frizzantino che servirebbe alla canzone per ritagliarsi un posto di rilievo in una stagione agguerrita. Troppo piatta e prevedibile per colpire davvero. VOTO: 5

Acquista qui i brani |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.