promossi bocciati gennaio 2021

Tutti i numeri di vendita del primo mese dell’anno

Le vendite non sono tutto direbbe qualcuno. Ma la realtà, invece, è che le vendite, perlomeno, sono tanto. Lo sono per chi guarda alla musica sotto la lente d’ingrandimento della popolarità, del successo e, perché no, del tornaconto economico che, forse fa brutto dirlo ma è così, è necessario se la musica si vuole continuare a produrla, proporla e promozionarla.

Andando, quindi, alla ricerca dei numeri di vendita, dei piazzamenti in classifica e dell’accoglienza ricevuta quali sono gli artisti che, nel corso dell’ultimo mese, hanno raccolto i risultati più soddisfacenti e quali, invece, hanno viste deluse le aspettative? Scopriamolo insieme:

I PROMOSSI:

Emma e Alessandra Amoroso: è stato presentato e proposto come il duetto dell’anno. Una sorta di canzone-evento che, attraverso le note di una buona ‘Pezzo di cuore’, è riuscita a far parlare di sè per l’unione di due artiste amatissime prima ancora che per il brano stesso. L’accoppiata è stata attesa (invano) per oltre un decennio e vederla finalmente realizzata con un brano all’altezza del marchio di fabbrica stilistico che queste due artiste hanno incarnato per diverso tempo è quanto il pubblico meritava. Le classifiche per ora sorridono e se una calda accoglienza era fuori discussione pare che anche radio e digital streaming (terreni su cui con difficoltà sia Amoroso che, soprattutto, Emma si muovono con difficoltà) siano dalla loro parte.

Emma e Alessandra Amoroso

Sangiovanni: è la carta vincente della nuova edizione di ‘Amici’ e Maria de Filippi l’ha probabilmente già capito riservandogli il privilegio di non fargli trovare nessun reale contendente al suo strapotere commerciale. I suoi due singoli, ‘Guccy bag’ ‘Lady’, hanno già conquistato il pubblico. Le radio gongolano grazie ad un sound fresco ma non eccessivamente votato alle tendenze trap d’oggigiorno e lo streaming gli arride vedendolo già tra i più cliccati sulle varie piattaforme. Se non è un buon debutto questo…

Ornella Vanoni: a 86 anni ha pensato di pubblicare un nuovo album d’inediti e la cosa straordinaria è che il pubblico la stia ripagando di quest’impresa pressochè “unica”. Il suo singolo ‘Un sorriso dentro al pianto’ non si schioda da un repertorio pop d’autore capace di esaltare sempre la sua eleganza ed il suo portamento vocale eppure, negli anni in cui tutto è autotune e rap, vola in cima alle classifiche di vendita intercettando quel largo bisogno di rassicurazione musicale che il pubblico ha bisogno di tornare a sentire nelle canzoni.

I BOCCIATI:

Ermal Meta: visti i precedenti il suo era uno dei nomi su cui puntare per il mese di gennaio eppure la sua nuovissima ‘No satisfaction’, che anticipa la prossima venuta sanremese e la pubblicazione di un disco a tre anni dal precedente, pare non aver convinto troppo l’esercito di fan che finora l’ha incoronato tra gli artisti di maggior successo del nostro panorama musicale. Sarà la netta svolta a livello di suono piuttosto che gli effetti di una lontananza dalle scene troppo prolungata ma Ermal questa volta pare non essere stato ripagato a dovere dalle classifiche. Numeri troppo bassi nel download e ancor meno nello streaming per un ritorno di questo genere…

Ermal Meta 2021

Negramaro: Giuliano Sangiorgi e soci si sono buttati in un disco capace di tastare il terreno se non proprio di osare. ‘Contatto’ è tanto più elettronico quanto meno empatico ci si sarebbe aspettati dall’album del ritorno di uno dei gruppi più amati e longevi del nostro scenario discografico. Dopo una buona partenza, però, il progetto si è già arenato in zone d’ombra delle classifiche ed un secondo singolo che corre ai ripari come ‘La cura del tempo’, per ora, non è ancora riuscito a risollevare le sorti del progetto.

Samuel: il suo secondo episodio da solista (‘Brigatabianca’) aveva tutte le carte in regola per abbracciare i desiderosi di un pop ricercato, fedele ed insieme futurista nei contenuti e abilmente in grado di risultare accessibile oltre che un prodotto di qualità nel mare, spesso confuso, dell’electropop d’oggi. Se ci sia riuscito o meno a livello di qualità toccherà dirlo in un’altra sede ma ciò che è certo è che forse sarebbe stato lecito aspettarsi qualche numero in più dal debutto nelle classifiche di vendita. C’è ancora tempo per riprendersi, però, e le radio, in questo, saranno vitali.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.