Il giovane cantante si scaglia contro il suo pubblico e pensa ai nuovi progetti

Dopo un anno senza un momento di pausa, due album d’inediti, un disco live, numerose collaborazioni, importanti date completamente sold-out, decine di firmacopie realizzate, oltre 300.000 copie vendute il giovane cantautore milanese Riki ha deciso di prendersi un momento di pausa.

RikiIl secondo classificato di Amici 16, vincitore della categoria “canto”, qualche settimana fa con un messaggio sui propri canali social ha annunciato ai numerosi sostenitori i suoi programmi per i prossimi mesi: “Ora mi allontano un po’, penso alle vacanze, al Sud America e a scrivere cose nuove. Cose bellissime. Un giorno sogno di riempire di persone gli stadi e non di commenti una foto”.

Tempo appena un paio di settimane ed ecco che il giovane Riccardo Marcuzzo è già sbarcato in Argentina per dar man forte al suo nuovo percorso discografico in Sud America apertosi proprio quest’estate grazie al duetto con i CNCO sul brano “Dolor de cabeza” che, però, pare non aver dato i risultati attesi e sperati. Nonostante ciò Riki non demorde ed è pronto a dedicarsi interamente anche a questo aspetto della sua fresca e giovane carriera sperando di conquistare anche il mercato di lingua spagnola.

Nel frattempo, però, in Italia qualcosa inizia a scricchiolare preoccupando la stessa fanbase del cantante. Una fan, qualche giorno fa, sui social ha reclamato la sua nostalgia per il Riccardo conosciuto ad Amici e che, a suo avviso, in questi mesi si è andato eccessivamente allontanando dalla realtà. Non si è fatta attendere la risposta dell’artista che su Instagram ha sbottato esclamando “E meno male che non c’è più [quel Riccardo] era un demente! Devo essere il più forte di tutti e lavoro per farlo. Le bimbe che si disperano meglio perderle, che vadano dal prossimo!” per poi continuare, forse contraddicendosi “Quegli anni sono stati più belli di questi. Questo mondo mi fa cagare, però a me piace scrivere canzoni e arrivare a più persone possibili, è lo scotto da pagare”.

Sicuramente questo non è un periodo troppo facile per il giovane artista che già qualche mese fa aveva raccontato di momenti di forte tensione manifestando la necessità assoluta di fermarsi per recuperare le forze come continua a ripetere sui propri social quasi assalendo i propri fan: “Si però basta ragazze! Godetevi le vacanze! Venivo da due mesi di instore e concerti che tradotti vogliono dire: viaggi, magiare, viaggi, mangiare e ancora viaggi. A settembre mi fermo e faccio contenti tutti. Gestisco le mie due aziende, vado a correre e faccio palestra. Piantatela di essere così assatanate! Ringrazio comunque il mio metabolismo che con la vita che ho fatto sto fin troppo bene!”.

Non ci resta che augurare a Riki una fine d’estate all’insegna del relax ricordandogli che il mestiere dell’artista non un gioco alla portata di tutti, richiede sacrifici, sudore e, soprattutto, tanta pazienza. Un tempo, forse, era più facile apparire, nelle poche occasioni disponibili, sempre sereni e in armonia con se stessi, oggi con i social è naturale che stati d’animo ed umori arrivino direttamente a tutti senza filtri. Attenzione, però, ad essere troppo diretti e sinceri si rischia di farsi del male: quelle ragazzine “assatanate” o “che si disperano” sono le stesse che fino ad un mese fa compravano i dischi, facevano la fila agli instore, mandavano soldout le date live. Perderle significherebbe rinunciare all’idea di “arrivare a più persone possibili“. Forse non conviene che “vadano dal prossimo“.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.