Album Amarcord Mio fratello è figlio unico Rino Gaetano

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Sono passati quarantacinque anni dalla pubblicazione di “Mio fratello è figlio unico”, il secondo album di inediti di Rino Gaetano. Reduce dal non proprio gratificante debutto discografico con Ingresso libero, rilasciato nel 1974, e dopo il buon successo del singolo Ma il cielo è sempre più blu“, datato 1975, il cantautore calabrese è in cerca della definitiva consacrazione, con un progetto che potremmo definire più maturo e strutturalmente complesso del precedente.

In scaletta alcune delle canzoni più celebri del suo repertorio, tra cui “Berta filava”, “Sfiorivano le viole” e l’omonima title-track, oltre che un piccolo gioiello nascosto, vale a dire la splendida ballata romantica intitolata “Cogli la mia rosa d’amore”, la cui interpretazione passionale e sentita rimane ancora oggi una goduria per i nostri padiglioni auricolari, soprattutto se consideriamo che, all’epoca di questo lancio, Rino aveva soltanto ventisei anni.

Con questa sua seconda prova in studio, Gaetano prende ulteriormente le distanze dallo stereotipo del tipico cantautore anni ’70, riuscendo nel complesso compito di unire una scrittura semplice e dissacrante a temi piuttosto complicati per l’epoca. Filastrocche graffianti e per nulla rassicuranti, che descrivevano la realtà in maniera concreta, seppur con poesia e un pizzico di sarcasmo, canzoni dalle quali vengono fuori le sfumature e le contraddizioni dell’essere umano.

Trovatemelo un altro artista che possiamo considerare ancora oggi contemporaneo, provateci, ma pur sforzandovi son certo che non ci riuscirete. Perchè nelle canzoni di Rino Gaetano c’è l’eleganza e la lungimiranza di chi si è voluto scagliare contro un sistema, senza paura di puntare il dito, di pronunciare fatti e imputati, di sdoganare un certo modo di fare musica, forse un po’ troppo distante dai malumori della classe operaia e dai movimenti socio-politici dell’epoca.

In tale senso, “Mio fratello è figlio unico” è un manifesto anti-anacronistico di un passato che non smette mai di riproporsi, della ciclicità di una storia fatta di esseri umani. Un inno per gli “sfruttati malpagati e frustrati”, per chi “non ha mai vinto un premio aziendale”, per chi “non ha mai viaggiato in seconda classe sul rapido Taranto-Ancona”, per chi “è convinto che nell’amaro benedettino non sta il segreto della felicità”, per chi, “non ha mai criticato un film senza prima vederlo”.

Acquista qui l’album |

Mio fratello è figlio unico | Tracklist e stelline

  1. Mio fratello è figlio unico ★★★★★
    (Rino Gaetano)
  2. Sfiorivano le viole ★★★★★
    (Rino Gaetano)
  3. Glu glu ★★★☆☆
    (Rino Gaetano)
  4. Cogli la mia rosa d’amore ★★★★★
    (Rino Gaetano)
  5. Berta filava ★★★★★
    (Rino Gaetano)
  6. Rosita ★★★★☆
    (Rino Gaetano)
  7. Al compleanno della zia Rosina ★★★☆☆
    (Rino Gaetano)
  8. La zappa… il tridente il rastrello la forca l’aratro il falcetto il crivello la vanga ★★★★☆
    (Rino Gaetano)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.