martedì, Aprile 23, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

RM Song Of The Week #8: “Nu fil’ e voce” di Simona Molinari

La RM Song Of The Week di questa settimana è “Nu fil’ e voce” di Simona Molinari

Ottavo appuntamento con la nostra rubrica RM Song Of The Week e questa settimana la scelta è ricaduta su “Nu fil’ e voce” di Simona Molinari. Il brano fa parte di “Hasta siempre Mercedes“, album con cui la cantante ha omaggiato l’attivista argentina Mercedes Sosa, uscito a novembre solo in formato cd e disponibile dal 22 marzo anche negli store digitali.

Scritto da Bungaro e Rakele, “Nu fil’ e voce” è un suggestivo viaggio che racconta Napoli attraverso immagini limpide e toccanti sensazioni, e conferma Simona Molinari come artista volutamente lontana da una discografia che insegue troppo spesso l’effimero. Lei cerca, e propone, bellezza, classe, profondità, emozione: vuole essere carezza in un periodo storico in cui si preferisce sgomitare, e chiede tempo nell’epoca scandita invece dal tutto e subito. Tempo da dedicare a lei e alla sua musica, condizione necessaria per carpire ogni dettaglio e sfumatura di una proposta mai pensata per l’ascoltatore più frivolo. Un’artista quindi rara al giorno d’oggi, e da trattare con cura.

The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.
Nick Tara
Nick Tara
Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.