Recensione dei nuovi inediti del cantautore ex-Pooh

A distanza di quattro anni dall’addio ai Pooh e a tre dall’album condiviso con un ritrovato Riccardo Fogli, Roby Facchinetti torna a proporsi con un nuovissimo progetto discografico dal titolo Inseguendo la mia musica – Live che racchiude, in una versione live, tutti i suoi maggiori successi in carriera in un doppio CD a cui si aggiungono anche cinque nuovissimi brani inediti che lo riportano alla dimensione solista a distanza di 6 anni da quel ‘Ma che vita la mia’ che sembrava aprire le strade ad un nuovo percorso artistico dell’artista bergamasco.

Tutto trae origini, potremmo dire, da quella Rinascerò rinascerai scritta ed incisa durante il periodo del lockdown proprio pensando alla propria città natale, Bergamo, tra le più colpite dall’emergenza sanitaria in Italia. Una tra le tante canzoni che, in quel momento, vennero pubblicate dagli artisti con scopi benefici ma una tra le poche, forse l’unica, a risultare in modo così potente, sincero e vero da riuscire a raccontare oltre che a suonare. Raccontare di dolore ma anche di speranza, di voglia di rimboccarsi nuovamente le maniche e tornare a lottare seppur su di uno sfondo completamente nuovo, grigio e diverso rispetto al passato: “questi giorni cambieranno i nostri giorni”. Ed è questa forza testuale, priva di frasi fatte e fin troppo mielose, a dar forza all’intero brano, a renderlo una canzone vera e non da circostanza e, dunque, destinata a morire nell’immediato. In una forma canzone classica e tradizionale (e mai come in questo caso era appropriato adottare il paradigma musicale italico) Roby si contorna di un coro che suggella, con forza ancor maggiore, l’invito collettivo a rialzarsi e a riprendere, insieme, il cammino.

Lo stesso schema viene adottato anche da Fammi volare che si caratterizza dall’ennesimo inciso arioso, aperto e potente in cui la vocalità cristallina di Facchinetti può lasciarsi andare risultando, come sempre, riconoscibile e di sicuro impatto. L’invito è ancora quello della condivisione, dello stare insieme, del dotarsi di una compagnia per affrontare al meglio le sfide ed i momenti della vita: “fammi volare con te che senza te non so dove cominciare”.

Con il supporto autorale di Stefano d’Orazio, Facchinetti scrive anche L’ultima parola, con un suono deciso pur guardando al momento dei titoli di coda di un’esistenza, ed una ancor più importante Invisibili che si dedica a quelle vite che non vengono notate dagli occhi distratti di una società disattenta e superficiale ma anche a quelle che spariscono ai nostri stessi occhi. Su di un tappeto di archi e di una voce che trasmette struggimento si consuma il passaggio inerme di due vite, quelle di un’amore e di un figlio, prima che se ne vada anche quella dello stesso uomo. Chiude la sinfonica Cosa lascio di me, una sorta di riflessione personale che s’incarica di compiere un bilancio sul “dopo di me” tracciando un profilo della propria esistenza, di quanto si è fatto e di quanto di tutto ciò rimarrà anche quando non ci saremo più in prima persona.

Questo Inseguendo la musica – Live oltre ad essere un’ottima occasione per riascoltare grandi classici della nostra musica grazie al doppio cofanetto live è anche un pretesto per tornare a testare la voce ed il talento di Roby Facchinetti che torna a dimostrarsi all’altezza del proprio nome e della propria carriera con 5 inediti davvero di alto livello sia dal punto di vista melodico che testuale. Dopo qualche brano ed esperienza non sempre azzeccati questa volta Roby torna a fare sul serio e lo fa con cinque brani intensi, con un’orchestrazione potente ed una voce sempre all’altezza delle aspettative. Cinque brani che raccontano di vita: dalla rinascita di una città e di un Paese alla fine di un’esistenza che porta con sé bilanci e ricordi. In tutti e cinque questi brani c’è il DNA di Facchinetti che, certo, non stupisce per originalità o sperimentalismi ma che azzecca una serie di brani ispirati ed adatti al proprio repertorio e percorso artistico ed umano. Un piccolo gioiellino da non lasciarsi scappare per chi ama la sua musica, la sua espressione artistica e, più in generale, il canto all’italiana.

Migliori tracce | Rinascerò rinascerai

Voto complessivo | 8.5/10

Acquista qui l’album |

Inseguendo la mia musica | Tracklist e stelline

  1. Rinascerò rinascerai ★★★★★★
    [Stefano d’Orazio – Roby Facchinetti]
  2. Fammi volare ★★★★★★★½
    [Stefano d’Orazio – Roby Facchinetti]
  3. Invisibili ★★★★★★★½
    [Stefano d’Orazio – Roby Facchinetti]
  4. L’ultima parola ★★★★★★☆☆
    [Stefano d’Orazio – Roby Facchinetti]
  5. Cosa lascio di me ★★★★★★★★☆☆
    [Maria Francesca Polli – Roby Facchinetti]
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.