Sanremo 1960, viaggio nella storia del Festival

Sanremo 1960, viaggio nella storia del Festival

Domenico Modugno manca il tris e passa la mano a Tony Dallara, che vince con “Romantica” in coppia con Renato Rascel. Debutto in sordina per Mina.

Il Festival della canzone italiana spegne le sue prime dieci candeline, tra innovazione e tradizione. Andate in scena dal 28 al 30 gennaio del 1960 dal Salone delle Feste del Casinò di Sanremo, le tre serate della kermesse canora sono state condotte dall’attore Paolo Ferrari e dalla giornalista Enza Sampò. La formula e il regolamento rimangono invariati rispetto all’anno precedente, con la commissione selezionatrice dei brani presieduta da Totò. Tra gli interpreti in gara diverse conferme, tra cui: Domenico Modugno, Nilla Pizzi, Gino Latilla, Julia de Palma, Achille Togliani, Betty Curtis, Teddy Reno, Wilma De Angelis, Arturo Testa, Fausto Cigliano, Flo Sandon’s, Giorgio Consolini, Miranda Martino, Gloria Christian e Tonina Torrielli, mentre tra gli assenti illustri figurano il reuccio Claudio Villa, il Duo Fasano e Carla Boni. Diverse le nuove leve, invece, tra cui ricordiamo gli interessanti debutti di Sergio Bruni, Joe Sentieri, Germana Caroli, Irene D’Areni, Mina e la giovane coppia di vincitori composta dal milanese Tony Dallara e il romano Renato Rascel, che convincono la giuria con le rispettive e personali interpretazioni di “Romantica”.

Top e Flop di Sanremo 1960

Top
1. Tony Dallara – Renato Rascel – “Romantica”   
2. Wilma De Angelis – Joe Sentieri – “Quando vien la sera”
3. Domenico Modugno – Teddy Reno – Libero

Flop
1. Mina – Teddy Reno – E’ vero” 
2. Flo Sandon’s – Gloria Christian – A come amore
3. Gino Latilla – Miranda Martino – Vento pioggia… scarpe rotte

Renato Rascel è il grande favorito della vigilia, anche se la versione di “Romantica” che otterrà più successo e che verrà ricordata maggiormente nel tempo sarà quella di Tony Dallara, meno classica e considerata molto moderna per l’epoca. Al secondo posto si classifica Domenico Modugno, acclarata stella internazionale, con un brano intenso ma meno nazional-popolare dei precedenti intitolato “Libero”, mentre riscuote un buon successo anche “Quando vien la sera” della premiata coppia  Wilma De Angelis e Joe Sentieri. Non emerge Mina, destinata a diventare di lì a poco la leggendaria Tigre di Cremona, presente in concorso con i pezzi “E’ vero” e “Non è facile”, due brani minori del suo repertorio che, paradossalmente, si è arricchito negli anni di canzoni provenienti dal Festival di Sanremo, rivisitate e rese delle pietre miliari della canzone italiana, ad esempio, come “Nessuno” e “La voce del silenzio”.

LE CONCLUSIONI DEL DIRETTORE

L’edizione del 1960 è un’altra di quelle edizioni anomale della storia delle kermesse canora di terra ligure: oltre ad ignorare totalmente l’esordio di Mina che, da lì a poco, diventerà in poco tempo la più grande artista italiana di tutti i tempi a detta di molti, sarà anche l’occasione che pose fine all’invincibilità mitica di Domenico Modugno. Il cantautore accettò, almeno stando alla versione ufficiale, assai sportivamente la vittoria del duo Dallara-Rascel e, anzi, forse collaborò egli stesso al risultato finale non presentandosi alla terza ed ultima serata in programma. Al momento decisivo della manifestazione, infatti, l’artista di Polignano a Mare non presenziò a causa dell’assunzione di un potente calmante che lo fece addormentare nella sua stanza d’albergo prima dell’inizio della diretta.

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *