Sanremo 2020: il Festival dei record non si ripeterà nelle vendite che sono già un flop

Deludenti i primi dati di vendita della kermesse ligure che rischia già il flop

Il Festival di Sanremo 2020 è stato la kermesse dei record televisivi: non solo uno dei Festival più lunghi televisivamente parlando ma anche uno dei più seguiti di sempre secondo le rilevazioni dei dati Auditel che hanno incoronato l’edizione condotta da Amadeus come quella di maggior successo dal 1999 in termini di share.

Finito il Festival, però, sono altri i record da abbattere e sono proprio quelli che riguardano il valore musicale ed i dati di vendita che, per assurdo, dovrebbero essere posti al centro di una manifestazione che ha come obiettivo, palese o meno, quello di lanciare (o rilanciare) dei progetti discografici, degli artisti o delle carriere non sempre sul punto più alto della propria parabola perchè, diciamocelo pure, di grandissime stelle all’apice della propria carriera la gara di Sanremo ne ha sempre avute poche, anzi pochissime.

Ecco, a circa una settimana dalla conclusione della kermesse si possono già tirare alcune somme ed azzardare delle previsioni su quelli che saranno gli andamenti di vendita dei progetti lanciati dal palco del Teatro Ariston nel corso dell’ultima edizione festivaliera ed i dati non sono per nulla confortanti.

Lo scorso anno al termine della prima giornata sanremese il brano più ascoltato sulla piattaforma streaming di Spotify (la piattaforma che oggi determina in larga parte il successo discografico di un singolo o di un album) era I tuoi particolari‘ di Ultimo e godeva di ben 668.076 ascolti in 24 ore. Nell’edizione 2020, invece, il brano di maggior impatto sulle classifiche alla prima giornata è stato Me ne frego‘ di Achille Lauro che, però, ha collezionato appena 376.408 ascolti in 24 ore: poco più della metà. Al confronto impietoso c’è da aggiungere che anche il secondo brano più ascoltato della prima giornata dell’edizione 2019, La ragazza con il cuore di latta’ di Irama superava i risultati di Achille Lauro di quest’anno con circa 397 mila ascolti giornalieri.

Oltre tutto questo occorre anche aggiungere un dato fondamentale: in un anno il potere di Spotify è nettamente aumentato il che avrebbe dovuto facilitare un rafforzamento dei numeri degli ascolti dei brani del 2020 rispetto a quelli del 2019.

Passiamo, dunque, al ‘day-after’ per confrontare l’accoglienza del vincitore: il giorno dopo la proclamazione Soldi‘ di Mahmood schizzò in vetta alla classifica degli ascolti di Spotify con quasi 1,5 milioni di ascolti giornalieri. Quest’anno la Fai rumore‘ di Diodato pur conquistando la vetta ha raggiunto soltanto quota 831 mila ascolti. Ancora una volta un dato pari a poco più della metà che non fa ben sperare per l’andamento del mercato discografico.

Quali successi discografici, dunque, aspettarsi da questo Festival di Sanremo 2020? Ad una settimana dal termine appaiono già impossibili (complici anche i mutati parametri di certificazione voluti da FIMI) i quadrupli dischi di platino ottenuti dalle hit di Mahmood o dei Boomdabash o i tripli dischi di platino di Ultimo. Se già qualcuno potesse raggiungere la soglia del doppio disco di platino (oggi corrispondente a 140.000 copie) sarebbe davvero un miracolo. Su chi puntare? Difficile dirlo ma, forse, i più accreditati potrebbero essere nel lotto degli insospettabili e cioè Elettra Lamborghini, Elodie, i Pinguini Tattici Nucleari e Achille Lauro. Insomma, quelli che il Festival non ha premiato in classifica. Più timidi saranno sicuramente, invece, i riscontri di Diodato e Francesco Gabbani che faticheranno probabilmente anche per arrivare un disco di platino digitale se l’andamento delle vendite verrà confermato nelle prossime settimane. Lotteranno per una certificazione anche Levante Le Vibrazioni ma i giochi sono durissimi.

In sostanza, il Festival dei record televisivi pare non aver lanciato alcuna grande canzone sul mercato discografico di oggi e la scelta di aver proposto, invece, 24 belle canzoni senza alcuna vera hit potrebbe ritorcersi contro tutti i partecipanti.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.