Precedenti al Festival, giudizi della stampa, quote dei bookmakers, album, tracklist, autori e testo del brano

PARTECIPAZIONI A SANREMO:

Nona partecipazione al Festival di Sanremo per Marco Masini che aveva partecipato alla kermesse canora ligure per la prima volta nel 1990 nella gara tra le Nuove Proposte con il brano Disperato arrivando a vincere la sua edizione e ad avere accesso, nel 1991, alla categoria Campioni con il brano Perchè lo fai che ottenne il 3° posto finale dietro al vincitore Riccardo Cocciante con ‘Se stiamo insieme’.

Sanremo 2004 MasiniIl ritorno all’Ariston avvenne nel 2000 con Raccontami di te che si classifica al 15° posto mentre a vincere è la Piccola Orchestra Avion Travel con ‘Sentimento’. Una nuova vittoria, questa volta nel circuito Big, arriva nel 2004 quando sbaraglia la concorrenza del Festival boicottato di Simona Ventura con ‘L’uomo volante’.

Nel 2005 è di nuovo all’Ariston con Nel mondo dei sogni che arriva all’11° posto nell’anno del trionfo di Francesco Renga con ‘Angelo’. In scena in riviera Marco c’è stato anche nel 2009 con L’Italia che ottiene il 4° posto alle spalle del vincitore Marco Carta con ‘La forza mia’.

Le ultime comparse al Festival sono datate 2015 e 2017 quando propone rispettivamente Che giorno è (6° posto dietro ai vincitori de Il Volo con ‘Grande amore’) e Spostato di un secondo (13° posto dietro a ‘Occidentali’s karma’ di Francesco Gabbani).

IL BRANO:

Per la sua nuova partecipazione alla kermesse ligure Marco Masini punta nuovamente su un brano scritto completamente, sia per il testo che per la musica, da lui stesso con la collaborazione di Federica Camba e Daniele Coro ed intitolato Il confronto.

COME NE PARLA LA STAMPA:

“Ballad alla Masini con quel graffio che emoziona. Voto 6” [Carmen Guadalaxara, Il Tempo]

“Un uomo allo specchio fa un bilancio della sua vita, onestamente e senza tabù. Non tutto è perso è ora di dire basta e cambiare. Non c’è più nessuna scusa. Un grande ritorno con una ballad potente che corre per il podio con Diodato” [Andrea Conti, Il fatto quotidiano]

“Un uomo alla specchio, con la sincerità di sempre, ma senza guizzi.Voto: 5” [Federico Vacalebre, Il Mattino]

“Marco è davanti allo specchio ed è obbligato a guardarsi senza filtri. “E sei stato sul campo/sempre dietro a un pallone/E ora sei qui sulla porta/a tirarti un rigore”: 6,5” [Gabriella Mancini, Gazzetta]

“«La vita è un flipper e infatti ci ghiochiamo» canta Masini in una canzone che sembra un “bilancio” della vita finora vissuta. Il punto di vista di un uomo non più giovane che si guarda alle spalle e racconta cosa ha vissuto. Errori, debolezze, prese di coraggio, vittorie. Voto: 6.5” [Laura Berlinghieri, Amica]

“Marco Masini si guarda allo specchio e fa autoanalisi. Guarda al passato e si dice alcune cose. Tipo? Che è stato uno stronzo e un bugiardo, ma anche un signore e un marito mancato. Una ballatona in pieno stile “masiniano”” [Giulio Pasqui, Soundsblog]

“Il coraggio di guardarsi allo specchio e dire basta. Tema nel blu mood di Marco, con lui Camba e Coro scrivono all’altezza. Può piacere. Voto: 7-” [Marco Mangiarotti, Quotidiano.net]

“Con 8 presenze, il cantautore fiorentino è uno dei veterani del Festival, che torna a 30 anni dalla vittoria nei Giovani con “Disperato” (e vinse nel 2004 con “L’uomo volante”). Il brano, scritto con Federica Camba e Daniele Coro, è uno sguardo all’indietro su una vita che può ancora trovare un riscatto, attraverso il confronto. Musicalmente un po’ convenzionale, da Marco ci si poteva aspettare maggior graffio (ed emozione)” [Andrea Grandi, NewMusic.it]

“”L’artista, che sul palco dell’Ariston festeggerà 30 anni di carriera, si guarda allo specchio e fa un bilancio della propria vita. Il brano è… Masini e l’arrangiamento ricorda vagamente Che Giorno è, il pezzo portato in gara nel 2015. La strofa è più significativa dell’inciso, ma il brano ha dalla sua la volontà di raccontarsi senza filtri, esprimendo una sincerità che oggi più che mai è merce rara. Una consapevolezza personale e artistica che, in Masini, si fa strada canzone dopo canzone, anno dopo anno. L’impronta Camba / Coro e decisamente marcata al punto che… sembra un brano strappato al repertorio di Alessandra Amoroso. “Non sei arrivato qui per sbaglio. Hai dato tutto il peggio, ma hai fatto del tuo meglio…”Voto: 6 e mezzo” [Simone Zani, All Music Italia]

” Marco Masini non esce dal suo tradizionale cliché, urlando i bilanci personali in “Il confronto” (4)” [Giuseppe Attardi, Pickline]

“Il cantautore si mette al piano e allo specchio e guardandosi alle spalle finisce per accettare quello che è stato. L’immagine però non è ben a fuoco. Voto: 5,5” [Andrea Laffranchi, Corriere della Sera]

“È lui, inconfondibile. Assolutamente piazzabile per i cosiddetti premi “accessori” anche perché i suoi testi sono sempre una prosa chiara, intensa, di grande impatto. Voto: 7” [Christian Pradelli, Mitomorrow]

“Un inizio sommesso a cui fa da contraltare un ritornello tiratissimo al massimo delle possibilità vocali. Per questo confronto con se stesso allo specchio Masini ha scelto una strada poco ruffiana ma anche meno incisiva di altre volte” [Tgcom24]

“Seduta psicanalitica davanti allo specchio, Spunti interessanti, a partire dalla paura del confronto, ma che restano un po’ sospesi tra un verso e l’altro. Que/5llo specchio sembra quello deformante del luna park. Buon ritmo e un po’ di auto-compatimento. Voto: 5” [SkyTG24]

“Marco Masini è tornato e lo fa alla sua maniera, si guarda allo specchio e fa autoanalisi. Molto autocritico ma con un pizzico di positività. Una ballatona in pieno stile “masiniano”. “Mi sono permesso di parlarti davvero e accettare me stesso.” Papabile vincitore di Sanremo 2020. 7” [InsideMusic]

“Ognuno, arrivato alla mezza età, fa il bilancio una specie di bilancio esistenziale. Masini si guarda allo specchio e parla a sè stesso («La vita è un flipper/ E ci giochiamo». Ne esce fuori una ballata piano e voce, «urlando oltre la paura del confronto». Il solito, prego” [Il Sole 24 ore]

VOTO MEDIO DELLA CRITICA:

6.24 / 10 (13° posizione generale)

QUOTE SNAI:

12.00 (8° posizione generale)

CANZONE PER SANREMO ’70:

Vacanze romane con Arisa (Matia Bazar – Sanremo 1983)

IL NUOVO ALBUM:

Uscirà per Sony Music il prossimo 7 febbraio Masini+1, 30th anniversary, il nuovo album del cantautore toscano che contiene il brano in gara al Festival, quindici duetti sui brani storici della kermesse, altri due inediti cantati da solista ed un duetto su un brano inedito con Rita Bellanza.

Tracklist [autore testo – autore musica]:

  1. Il confronto
  2. La parte chiara
  3. Non è così
  4. Disperato feat. Eros Ramazzotti
  5. Ci vorrebbe il mare feat. Giuliano Sangiorgi
  6. Cenerentola innamorata feat. Ermal Meta
  7. Perchè lo fai feat. Umberto Tozzi
  8. Ti vorrei feat. Ambra Angiolini
  9. Vaffanculo feat. Luca Carboni
  10. T’innamorerai feat. Francesco Renga
  11. Bella stronza feat. Modà
  12. Principessa feat. Nek
  13. Lasciaminonmilasciare feat. Gigi d’Alessio
  14. L’uomo volante feat. Jovanotti
  15. Io ti volevo feat. Annalisa
  16. Che giorno è feat. Bianca Atzei
  17. Spostato di un secondo feat. Giusy Ferreri
  18. Tu non esisti feat. Fabrizio Moro
  19. Fra la pace e l’inferno feat. Rita Bellanza

TESTO DEL BRANO:

IL CONFRONTO
di Marco Masini, Federica Camba, Daniele Coro
Edizioni Warner Chappell Music Italiana – Milano

E sei stato un bugiardo non hai avuto coraggio
Quasi sempre imperfetto ma qualche volta saggio
E sei stato per qualcuno un marito mancato
E sei diventato padre ma non è capitato
E sei stato sul campo sempre dietro a un pallone
E ora sei qui sulla porta a tirarti un rigore
Come un eterno bambino dentro gli anni di un uomo
E sei stato importante e in lampo nessuno
Hai un cuore diesel che ci vai piano
La vita è un flipper e infatti ci giochiamo
Ma cosa aspetti a dire basta
E in quello specchio a urlare “cambia faccia”
Non sei arrivato qui per sbaglio
Hai dato tutto il peggio
Ma hai fatto del tuo meglio
E no la vita non è giusta
È che il passato ci esce dalla testa
Come canzoni dalla radio
Amori nell’armadio
Un po’ ti odio un po’ ti amo
Ma oltre la paura del confronto
Hai vinto tutto
E sei stato uno stronzo quando lei ci credeva
L’hai lasciata morire lì con te alla deriva
Ma sei stato un signore quando non hai risposto
E ti bastavano due parole, due parole, per rimetterla a posto
Il cuore è un killer preso alle spalle
Il mondo è open sopra miliardi di stelle
Ma cosa aspetti a dire basta
E in quello specchio a urlare “cambia faccia”
Non sei arrivato qui per sbaglio
Hai dato tutto il peggio
Ma hai fatto del tuo meglio
E no la vita non è giusta
È che il passato ci esce dalla testa
Come canzoni dalla radio
Amori nell’armadio
Un po’ ti odio un po’ ti amo
Ma oltre la paura del confronto
Hai vinto tutto
Hai vinto tutto
Ma oltre la paura del confronto
Hai vinto tutto
E no la vita non è
E no la vita non è giusta
È che il passato ci esce dalla testa
Come notizie sul giornale
Impronte su un pugnale
Non vuoi cadere non puoi volare
Ma oltre la paura del confronto
Ma oltre la paura del confronto
Il confronto
Sai che adesso mi è chiaro, mi son dato il permesso
di parlarti davvero e accettare me stesso.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.