La Rappresentante di Lista - Sanremo 2021

Precedenti al Festival, giudizi della stampa, quote dei bookmakers, album, tracklist, autori e testo del brano

PARTECIPAZIONI A SANREMO:

Prima partecipazione in gara al Festival di Sanremo per La Rappresentante di Lista che, finora, avevano calcato il palco del Teatro Ariston soltanto in veste di ospiti duettanti nel 2020 quando, nel corso della terza serata, si sono esibiti con Rancore e Dardust sulla cover di ‘Luce (tramonti a nord-est)’ di Elisa.

IL BRANO:

Per la loro prima partecipazione alla kermesse ligure La Rappresentante di Lista puntano su un brano scritto per il testo da loro stessi e per la musica con la collaborazione dei produttori Dario Faini e Roberto Cammarata. La canzone è intitolata Amare.

La Rappresentante di Lista - Sanremo 2021

COME NE PARLA LA STAMPA:

“”Amare senza avere tanto/Urlare dopo avere pianto/Parlare senza dire niente/Come il sole mi consolerà”. Al primo impatto non arriva, da riascoltare. Ma perché la rappresentante? 5” [Gabriella Mancini, Gazzetta]

“Non si tratta di un nuovo movimento politico in attesa di convocazione del futuro premier Mario Draghi, ma di un ottimo e collaudato duo, formato da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina. Il ritmo dance e la voce della Lucchesi impreziosiscono il brano, per amatori” [Massimiliano Castellani, Avvenire]

“«Ho su di me un desiderio profondo, ho dentro me tutti i sogni del mondo». RIBELLE” [DomaniPress]

“Una canzone da fuoriclasse, che spacca moltissimo e che potrebbe essere la seconda sorpresa indie di Sanremo, dopo Colapesce Dimartino. La musica è di Dardust, solo che qui, a differenza di quanto fatto con Irama, ha creato un pezzo dance sofisticato. Significa essere bravi” [Maria Elena Barnabi, Cosmopolitan]

“Esordio sanremese anche per loro e tra le firme della musica, indovinate, anche Dardust (pare l’uomo più desiderato in Italia dopo Draghi). Il brano, che parla della ricerca di rinascita e di libertà, parte classico cui si aggiunge un ritmo uptempo e una gabbia elettronica che esplode nel ritornello. Menzione speciale per la bella voce di Veronica Lucchesi, la cosa che più colpisce di un brano da focalizzare meglio e che al primo ascolto suona un po’ fracassone. Voto: 6 ½” [Andrea Grandi, Newsic.it]

“Altro duo siciliano come Colapesce e Dimartino, altra (bella) sorpresa. È vero hanno il loro zoccolo duro di fan ma forse erano tra i nomi meno conosciuti, invece ci portano un brano uptempo-elettronico che faremo fatica a dimenticare e che probabilmente sentiremo perfino in radio. Anche qui c’è Dardust nella produzione. Il tema ça va sans dire è l’amour” [Silvia Danielli, Billboard]

“Voce poco nota che sorprenderà con sonorità moderne e trascinanti per parlare d’amore a 360 gradi. Voto: 8” [Carmen Guadalaxara, Il Tempo]

“Di voglia di rinascita e della necessità di amare canta in Amare la queer band Rappresentante di Lista nata nel 2011 dall’incontro tra Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina. Lui palermitano, lei toscana, entrambi attori teatrali, scrivono a quattro mani testi e melodie. Il brano, un pop ostico, trasversale, prodotto da Dardust, farà parte del quarto album della band, My Mamma: «Un disco libero, fluido, accogliente e pieno di spigoli, irruento», spiega Veronica Lucchesi. «Gli arrangiamenti sono nervosi, nulla è lasciato al caso. I generi si mischiano, le parole sono dette davvero, sono confessioni, preghiere, inni di appartenenza». Voto: 6” [Giuseppe Attardi, Pickline]

“Cantano di corpi, di vita, di paura e di strade infinite. Melodia classica in crescendo fino al fortissimo quando nel rit. la voce arriva all’apice (“Amare senza avere tanto/Urlare dopo avere pianto/ Parlare senza dire niente”)” [Rita Vecchio, Leggo]

“Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina formano il duo palermitano La Rappresentante di Lista. Amatissimi protagonisti della scena indie italiana. A Sanremo portano Amare, un travolgente grido d’amore per la vita che mette in luce le straordinarie doti vocali della cantante Veronica” [Elsa Ungari, Io Donna]

“Esordio sul palco dell’Ariston per questo gruppo nato nel 2011. Il loro genere è l’indie rock, fanno quello che promettono. Voto 6-” [Unione Sarda]

“Uno degli arrangiamenti migliori tra quelli marchiati Dardust in questo Sanremo. Piace, subito. Un testo pulito, a tratti un po’ debole, ma trainato da una musica dall’anima “radiofonica” che è il vero plus. Voto: 7” [Christian Pradelli, Mitomorrow]

“Una ballad che strizza l’occhio, e l’orecchio, al rock. Ritornello martellante” [Claudia Fascia, La Sicilia]

“Anche in questo caso un felice impasto di melodia classica e sonorità moderne. Emozionante il ritornello in cui Veronica Lucchesi sfoggia potenza e pathos. Un effetto esaltato dal contrasto con il morbido tappeto sonoro su cui poggia” [Tgcom24]

“Dubbi esistenziali, occhi che si aprono e si chiudono su un mondo dove è bello stare avendo il giusto. A tratti quasi ipnotica la voce di Veronica che ci regala una frase universale ma che lei rende unica ed è “amare senza avere tanto”. Voto: 7” [Fabrizio Basso, SkyTG24]

“Veronica ha una voce cristallina che si appoggia a un ritmo incalzante (amare senza avere tanto, urlare dopo avere pianto) ed elettronico i cui rivoli rischiano di restarci addosso per molto. Bello il contrasto tra la voce e l’intenzione musicale. Voto: 7” [Paola Gallo, Ondefunky]

“L’orgoglio di lei che ripensando alle sue antiche rogne si lascia andare. E urla come una matta. Ma urla bene. “Io corro e poi corro/ Piango e poi piango”. Se piangi dopo la corsa è possibile che siano le vesciche. Voto: 7 ” [Fabrizio Biasin, Libero]

“Radio a tutto volume per questo brano che è un canto liberatorio: “Amare senza avere tanto urlare dopo avere pianto parlare senza dire niente”. La voce incantevole di Veronica Lucchesi fa il resto. Giudizio: boccata d’aria fresca” [Andrea Conti, Il fatto quotidiano]

“Un inizio con le tastiere alla Coldplay e poi un ritornello liberatorio con una parte elettronica avvolgente. “Amare senza avere tanto, urlare dopo avere pianto”, canta decisa Veronica Lucchesi, un timbro potente ed emozionante che non è una novità per chi conosce la band” [Claudio Cabona, Rockol]

“Vola altissimo la voce di Veronica Lucchesi, che forma questo duo indipendente insieme con Dario Mangiaracina, e canta un amore che non si limita al romanticismo, ma acquista un senso più ampio: «Amare senza aver tanto, urlare dopo avere pianto, parlare senza dire niente, come il sole mi consolerà». Il ritmo è serrato, le sonorità contemporanee: sarà senza dubbio una delle sorprese del Festival” [Francesco Chignola, TV Sorrisi e Canzoni]

“Fa strano sentire “Amare”, avendo ascoltato un po’ di quello che La rappresentante di lista ha fatto in carriera. La voglia era senza dubbio quella di non passare senza lasciare un ricordo, e così dopo un attacco in cui la voce di Lucchesi si prende tutto lo spazio, Dardust arriva a metterci un po’ di cassa e ritmo. Il brano resta però fermo un po’ là, almeno a una primissima impressione. Visto anche il testo sarà interessante riascoltarla con la calma dovuta e, chissà, più in là, ascoltarla anche più nuda, in versione unplugged” [Francesco Raiola, Fanpage]

“ricerca di rinascita, libertà e amore. Canta: “Ho su di me un desiderio profondo, ho dentro di me tutti i sogni del mondo“. Ritornello energico con rimembranze “pausiniane” (Canto) modernizzate. Giudizio: potentemente già sentita” [TVblog]

“Si dice che quando l’imperatore Carlo V mise piede per la prima volta nella Mezquita di Cordova, appena trasformata in chiesa, disse a chi aveva diretto i lavori: «Avete preso una cosa unica al mondo e l’avete trasformata in una cosa che c’è in tutte le città del mondo». La Rappresentante di Lista arriva a Sanremo (dardustizzata) per la prima volta, ma fai fatica a cogliere la differenza con chi a Sanremo ci va ogni anno. Peccato. Il 5 è per stima. Poi magari vince, eh. Voto: 5” [Francesco Prisco, Il Sole 24 ore]

La Rappresentante di Lista 2021

VOTO MEDIO DELLA CRITICA:

6.6 / 10 (10° posizione generale)

QUOTE SNAI:

8.00 (4° posizione generale)

COVER PER LA 3° SERATA:

Splendido splendente con Rettore (Rettore)

IL NUOVO ALBUM:

La Rappresentante di Lista - My mamma

Uscirà per Woodworm/Numero Uno/Sony Music il prossimo 5 marzo 2021 My mamma, il nuovo album d’inediti de La Rappresentante di Lista, il quarto della loro carriera discografica.

Tracklist [autore testo – autore musica]:

  1. Preludio
  2. Religiosamente
  3. Lavinia
  4. Oh mà oh pà
  5. Alieno
  6. Invasione
  7. Fragile
  8. Sarà
  9. Amare [Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina – Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina, Dario Faini, Roberto Cammarata]
  10. V.G.G.G. (Very Good Glenn Gould)
  11. Paesaggi stranieri
  12. Resistere
  13. Mai mamma

TESTO DEL BRANO:

AMARE
di Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina – Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina, Dario Faini, Roberto Cammarata
Edizioni Universal Music Publishing Ricordi/Woodworm Publishing Italia – Milano – Arezzo

Ogni volta che nella mia vita
Non pensavo di essere abbastanza
Come un vuoto dentro la mia testa
Un incendio dentro la mia stanza
Come un sole che non sorgerà
Dal riflesso dei miei occhi stanchi
Io corro e poi corro
Piango e poi piango
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
Parlare senza dire niente
Come il sole, mi consolerà
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
È come l’aria che non finirà
Ogni volta che stai bene
Vorrei essere tutto
Potrei essere niente
Nella strada infinita
La paura è la vita
Apro gli occhi e vedo l’universo
Tra la gente che non crede
Che sognarlo era diverso
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
Parlare senza dire niente
Come il sole, mi consolerà
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
È come l’aria che non finirà
Ogni volta che stai bene
Ho su di me
Un desiderio profondo
Ho dentro me
Tutti i sogni del mondo
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
Parlare senza dire niente
Come il sole, mi consolerà
Amare senza avere tanto
Urlare dopo avere pianto
È come l’aria che non finirà
Ogni volta che stai bene
Come l’aria che non finirà
Ogni volta che stai male

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.