Dellai Io sono Luca Sanremo |recensiamomusica.com

A tu per tu con il duo romagnolo, in gara tra le Nuove Proposte di Sanremo 2021 con il brano “Io sono Luca”

Tra gli otto giovani partecipanti del prossimo Festival di Sanremo, troviamo Matteo e Luca Dellai, noti semplicemente come i Dellai, fratelli romagnoli in gara con “Io sono Luca”, un brano che rispecchia un po’ tutti noi, con le nostre paure e le sfide di tutti i giorni. Approfondiamo la loro conoscenza.

Ciao ragazzi, benvenuti. Partiamo da “Io sono Luca”, brano in concorso al prossimo Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte. Come state vivendo questo momento di attesa e di preparazione?

«Molto bene. Sono momenti concitati, sono tante le cose da fare, ma abbiamo una gran voglia di salire sul palco, di divertirci e di far divertire. Poi, sicuramente c’è tutto un contorno causato da pandemie varie ed eventuali, che però cerchiamo di farci scivolare di dosso, cercando di goderci al massimo questo regalo che ci è stato fatto. Diciamo che Sanremo ci prende abbastanza la testa, com’è giusto e doversoo che sia, perchè non è solo un onore ma anche un onere partecipare al Festival».

Un testo in cui ci si può immedesimare perchè, chi più chi meno, abbiamo un po’ tutti vissuto sensazioni simili, ci siamo rialzati e rimboccati le maniche. Ci sono stati commenti o feedback che vi hanno colpito particolarmente?

«Sicuramente di feedback ne abbiamo ricevuti, molto spesso da parte degli amici ci è stato detto che si sente molto il nostro approccio, che il brano rispecchia molto entrambi. L’idea è quella che le persone si possano ritrovare nella storia di Matteo, anche se il titolo fa riferimento a Luca, un po’ per difendere la propria intimità, un po’ per giocare, un po’ per trasmettere il messaggio che ciascuno di noi può vivere le stesse situazioni di un altro, perché anche nei momenti difficili si può trovare una piccola felicità».

Della

A rivestire il tutto di positività ci sono le sonorità: radiofoniche, allegre e orecchiabili. Come siete arrivati a questo tipo di sound?

«In realtà è stato un processo graduale, anche se nella prima versione il sound andava già in questa direzione. Sin da subito voleva essere un brano giocoso, allegro, positivo. Poi, dopo, con l’aiuto di Davide Tagliapietra si è arrivati a questo prodotto con due suoni reali e autentici, nei quali ci riconosciamo molto perchè appartengono alla natura del pezzo».

Per concludere, al di là della vittoria e della conseguente possibilità di portarvi a casa la famosa statuetta con il leoncino e la palma, quale sarebbe per voi il riconoscimento più importante, il traguardo personale di questo vostro Festival di Sanremo?

«Si tratta della prima nostra esperienza importante, andiamo lì alla scoperta di qualcosa di completamente nuovo per noi. Ci mettiamo alla prova, dando il meglio di noi stessi. L’intento è quello di divertirci, ma non solo, ognuno ha i propri obiettivi e penso che questo valga per tutti gli altri ragazzi in gara. Poi, chissà… che vinca il migliore!».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.