Sarà Sanremo: le pagelle delle Nuove Proposte in DIRETTA

Inizia l’ultimo atto prima dell’approdo all’Ariston

1° GIRONE:

Nessuno – Santiago: Arrangiamento fresco e tra i più contemporanei fra quelli proposti dai 16 di questa sera il giovane artista barese ha dalla sua un team autorale e di produzione di tutto rispetto (la mano di Luca Chiaravalli è più che mai avvertibile) ed il brano risuona come immediato, fischiettabile e funzionale. Non memorabile anche se sicuramente oggettivamente è una buona proposta. VOTO: 5.5 NON PASSA IL TURNO

Il congiuntivo – Lorenzo Baglioni: è già il tormentone dell’annata ed è difficile negare che non giochi per la vittoria finale. Dal vivo perde, forse, la sua marcia più forte ma Baglioni sta in un’altra categoria rispetto a tutti gli altri. Effetto Francesco Gabbani ricercato e trovato? Possibile. Toscano è toscano, staremo a vedere se sarà davvero altrettanto fortunato e dotato. VOTO: 7 PASSA IL TURNO

Spreco personale – Nyvinne: Lei è l’inviata dell’anno di Caterina Caselli e la Sugar Music che, si sa, a Sanremo hanno sempre regalato talenti personali, preziosi ed estremamente particolari ed unici. In effetti, la ragazza è dotata di personalità e di una buona dose di talento compositivo e musicale dimostrato da un brano che gioca abilmente nella sua struttura melodica e d’arrangiamento. Testualmente non indimenticabile, anzi, ma la sua parte forte sta nella musicalità. VOTO: 6+ PASSA IL TURNO

L’eternità è di chi sa volare – Dave Monaco: il rappresentante del pop-lirico di quest’annata è questo giovane ragazzo gestito dallo stesso manager dei giovani ragazzi de Il Volo con cui, infatti, condivide l’ispirazione musicale. Indubbiamente la resa del suo brano con l’orchestra del Festival sarà sicuramente notevole e la sua voce riuscirà a risultare quanto mai valorizzata dal palco dell’Ariston che, si sa, stravede per vocalità possenti e così tanto “italiane”. La canzone, poi, è dotato di un bel testo sognante, il dubbio è: c’è spazio nel mercato discografico per un prodotto nè troppo pop nè troppo lirico? VOTO: 6++ NON PASSA IL TURNO

2° GIRONE

Stiamo tutti bene – Mirkoeilcane: è lui a vantare il testo più sociale del gruppone e propone una non-canzone tutta parlata ed incentrata in un racconto intenso, struggente e per nulla immediato alla fine, però, rimane un “silenzio” che non può che far paura mentre scorrono le onde. Indubbiamente l’emotività che questa canzone è in grado di suscitare è un fattore importante ma sarà difficile farla decollare discograficamente. Ma, forse, non è esattamente questo l’obiettivo della canzone. VOTO: 6.5 PASSA IL TURNO

Gli amori della mente – Luchi: uno dei pochi brani d’amore tra quelli presenti in questa serata è proposto da questa ragazza dalla voce profondissima e dall’immagine vintage. Dal vivo, forse, non è poi così perfetta come in versione studio ma grazie al suo timbro vocale riesce a portare a casa un’esibizione una resa sufficientemente buona anche se, probabilmente, troppo tradizionale per un cast che, a quanto pare, vuole scombinare le carte della “sanremesità”. VOTO: 5+ NON PASSA IL TURNO

Cosa ti salverà – Eva: è il brano probabilmente più sanremese e tradizionale nella sua struttura-canzone così tipicamente composta da strofe struggenti cantate con voce piena e da un inciso tutto in crescendo con la vocalità che tira fuori anche le proprie sfumature di ruvidità. L’unica inviata dei talent show italiani in questo mega gruppone di 16 è probabilmente la più facile da capire per il largo pubblico del Festival e (in parte) delle radio. VOTO: 7- PASSA IL TURNO

Un cerchio – Iosonoaria: Altra presenza etera e particolarmente elevata da cogliere per il suo proporsi così delicato e raffinato nel racconto non solo musicale ma anche corporeo (anche da questo punto di vista, infatti, non può che non suscitare un richiamo a Malika Ayane che, prima di lei, fece delle movenze delle mani un potente linguaggio di comunicazione). La canzone, di per sè, si dimostra voler essere un esercizio di stile e di maestosità ma, forse, è proprio il brano ad essere più debole della sua interprete. VOTO: 4.5 NON PASSA IL TURNO

3° GIRONE:

Come stai – Giulia Casieri: Musicalmente funziona parecchio nell’escursione melodica che si incarica di portare avanti viaggiando tra pop, hip-hop, soul e black music. La voce ha dalla sua un timbro particolarmente importante e notevolmente motown. La canzone, forse, è più debole della sua estremamente sensibile interprete che, dopo aver cantato, si lancia in un pianto liberatorio. VOTO: 6 PASSA IL TURNO

Non può fare male – Davide Petrella: è la canzone più energica e martellante del lotto dei 16 di questa sera. Petrella, però, funziona decisamente di più come autore delle più importanti hit italiane dell’ultimo periodo (Cremonini, Elisa, J-Ax, Fedez, Nannini) rispetto al suo essere cantautore non proprio perfetto tecnicamente. Ha scritto decisamente di meglio rispetto a questo timido tentativo di unire la contemporaneità dei suoni alla radiofonicità e alla tradizione pop italiana che, a Sanremo, è assolutamente necessaria. VOTO: 5+ NON PASSA IL TURNO

Parlami ancora – Jose Nunes: canta e parla attraverso la lingua dei segni andando incontro, forse, a qualche distrazione di troppo che gli fa prendere qualche cantonata tecnica di troppo soprattutto nell’apertura melodica. Peccato perchè la canzone avrebbe dalla sua la potenza necessaria per funzionare in un palco nazional-poplare come quello del teatro Ariston di Sanremo. VOTO: 6+ NON PASSA IL TURNO

Parli – Antonia Laganà: altra voce femminile particolarmente scura, profondissima e inusualmente bassa nella sua tonalità così sinuosa e seducente. La ragazza sa cantare bene una canzone che si dedica all’amore a duo ma difficilmente realizzabile a causa delle troppe parole rispetto ai fatti. Anche in questo caso l’arrangiamento sarebbe notevolmente valorizzato dall’orchestra sanremese in un bridge particolarmente incisivo, potente e dove si accenna anche ad un assolo di uno strumento a fiato. VOTO: 6.5 PASSA IL TURNO

4° GIRONE

Il mago – Mudimbi: è fresco, allegro, estivo ed estremamente radiofonico il brano proposto da questo simpatico personaggio a metà tra il rap e la musica da club dotato anche della giusta immagine televisiva. Trascinante ed orecchiabile potrebbe essere il vero outsider dell’annata grazie alla sua spensieratezza musicale davvero molto coinvolgente. VOTO: 6++ PASSA IL TURNO

Nessuna lacrima – Carol Beria: è un’altra ballata pop eterea, leggerissima, delicatissima e senza troppi abusi vocali quella proposta dalla più giovane nuova proposta dal gruppo delle 16 Nuove Proposte di quest’annata. La ragazza canta bene anche se non arriva mai a suscitare quel brio necessario a catturare e a rapire davvero l’attenzione di un ipotetico ascoltatore che rimane indifferente di fronte all’ennesima canzone carina che rompe le catene solo nel finale. VOTO: 5 NON PASSA IL TURNO

Il ballo delle incertezze – Ultimo: il mood di Tiziano Ferro e Marco Mengoni è proprio della più spendibile proposta del gruppo di questa serata dal punto di vista discografico. Il giovane cantautore romano che negli ultimi mesi si è già fatto notare sul web mette insieme l’hip-hop contemporaneo ad un ritornello pop e ad un’interpretazione tradizionale con la voce che di certo non si risparmia nel dar spessore alle parole che canta (e scrive) con decisione. VOTO: 7+ PASSA IL TURNO

Quell’attimo d’eternità – Silvia Aprile e Mangiaracina: Tornano a proporsi le due grandi escluse dello scorso anno e lo fanno con una canzone che si dota della firma prestigiosa di Amara che si unisce al loro talento compositivo dando valore alle parole di una canzone cantata con leggerezza nella perfetta tradizione melodica. Ariosa, partenopea e perfettamente jazz-pop. Sicuramente un ottima dimostrazione di classe anche se difficilmente, anche questo brano, sarebbe spendibile discograficamente. VOTO: 6 NON PASSA IL TURNO

Ad essere protagonisti del Festival di Sanremo 2018 tra le Nuove Proposte saranno:

  1. Mudimbi
  2. Eva
  3. Mirkoeilcane
  4. Lorenzo Baglioni
  5. Giulia Casieri
  6. Ultimo

Si aggiungono due artisti selezionati da Area Sanremo:

     7. Leonardo Monteiro

8. Alice Caioli

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.