Sirente, Vivi a domani

A tu per tu con la band abruzzese, in uscita con il nuovo singolo intitolato “Vivi a domani

Si intitola “Vivi a domani” il nuovo singolo dei Sirente, gruppo musicale abruzzese composto da Jonathan Di Felice (voce), Matteo Fontana (batteria) e i fratelli Valerio (chitarra) e Riccardo Giuliani (basso). Approfondiamo la loro conoscenza.

Ciao ragazzi, benvenuti. Partiamo dal vostro singolo di debutto “Vivi a domani”, che sapore  ha per voi questo pezzo?  

Jonathan: «Un sapore nuovo, sicuramente dolce. Sarà il primo di una lunga serie si spera, ma comunque andrà rimarrà sempre la nostra prima creatura e per questo avrà un posto speciale nel nostro cuore».  

Quali riflessioni e quali stati d’animo vi hanno accompagnato durante le fasi di realizzazione  del brano?  

Riccardo: «Questa canzone è stata scritta pensando a tutte quelle persone che, come me, ogni tanto  rischiano di cadere ma trovano sempre qualcosa, o qualcuno che li riprende al volo».  

A livello musicale, come siete arrivati a questo tipo di sound?  

Matteo: «Credo che sia il risultato degli anni passati a suonare insieme. La coesione che si è creata con il tempo tra di noi si sente perfettamente anche nella nostra musica».  

Sirente, Vivi a domani

Facciamo un breve salto indietro nel tempo, come vi siete conosciuti e quando avete deciso di  mettere in piedi il vostro progetto?  

Valerio: «Io e Riccardo conosciamo da quasi 20 anni Jonathan, Matteo è arrivato dopo attraverso  conoscenze comuni. Il progetto Sirente è nato dalle ceneri di altri progetti, dove da ognuno dei quali  abbiamo imparato qualcosa, ora ci sentiamo pronti e maturi per intraprendere un percorso  importante».

Quali ascolti hanno accompagnato e influenzato i vostri rispettivi percorsi? 

Riccardo: «In realtà abbiamo gusti ed influenze abbastanza diversi tra di noi, cosa buona in quanto ci  consente di sperimentare molto. Sicuramente però il cantautorato italiano, e le influenze brit pop  sono comuni a tutti e quattro».

Al netto dell’attuale incertezza dovuta al momento, quali sono i vostri prossimi progetti in  cantiere e cosa dobbiamo aspettarci a riguardo?  

Matteo: «Cerchiamo di prendere il buono da questa brutta situazione, sfruttarlo per scrivere ed  arrangiare nuovi brani che poi, in tempi migliori, suoneremo su un palco… il contatto con il pubblico  è senz’altro la cosa che più ci sta mancando».  

Per concludere, a chi si rivolge la vostra musica e a chi vi piacerebbe arrivare in futuro?

Jonathan: «Si rivolge a tutti e non importa in che modo. Ci auguriamo, con il tempo, di far parte della vita di più persone possibili, entrando nelle loro orecchie per fargli un pò di compagnia».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.