inediti Amici 21

Tutte le nostre mini-recensioni dei primi inediti pubblicati nella nuova edizione del talent

  • BAD VIBES – Aisha

Il miglior inedito del lotto questa volta arriva dal nuovo ingresso della squadra di Lorella Cuccarini. Il suo è un suono completo che sfrutta la produzione del team Itaca ma che si completa anche e soprattutto con le tinte sofisticate della timbrica di Aisha. La bravura dell’interprete dalla folta chioma è quella di lasciarsi andare su di un ritmo non preconfezionato realizzando un giusto mix tra mondi diversi di riferimento. Ne esce un brano capace di risultare leggero senza, però, dover per forza andare a richiamare le strutture e i modelli dei classici tormentoni indie-pop d’oggi. VOTO: 8

  • PRIMA DI TE – Albe

Terzo inedito per il giovane Albe che continua ad essere prodotto dalla mano di Steve Tarta che continua a rendere tutte le sue produzioni tra loro troppo simili e sovrapponibili. Non aiuta, in questo senso, la vocalità di Albe che si rivela fin troppo neutra e comune per riuscire a costruirsi un’identità univoca e ben definita. Il testo canterà di quando “passeranno anche le mode” ma, in realtà, la canzone ha tutta l’intenzione di cavalcare l’onda di un momento attraverso suoni, firme e forme-canzoni già trite e ritrite. Funzionerà per una stagione. VOTO: 5.5

  • AMMIRARE TUTTO – Alex

La sua si conferma essere la penna più tradizionalmente italica ma anche la più profonda nello sviluppo dei concetti e nella ricerca della forma-canzone pop nel reale senso della parola. Anche in questo caso Alex racconta di sè partendo dall’inquietudine che sente, dal mondo che avverte estraneo da sè e dalla voglia di lasciarsi cullare dal valore della bellezza. La produzione di Katoo azzecca lo sviluppo del crescendo strumentale che accompagna quello vocale realizzando un ritornello facilmente cantabile. Alla fine non è importante proprio quello, saper scrivere una canzone condivisibile e cantabile dagli altri? VOTO: 8

  • SCUSA – LDA

Il figlio d’arte ritrova una propria credibilità dopo un secondo inedito non all’altezza della forza di “Quello che fa male”. In questa nuova prova LDA guarda all’amore partendo dall’ammissione delle proprie colpe che, di fatto, hanno condizionato, giorno per giorno, l’andamento di una relazione determinandone alcuni dei punti di caduta. La produzione è di Davide ‘d.whale’ Simonetta che sul piatto mette un po’ di autotune e distorsione vocale senza mai, però, portare l’arrangiamento ad esplodere davvero. Si fa ascoltare con gusto se si è alla ricerca di qualcosa di leggero. VOTO: 6.5

  • PARTIRO’ DA ZERO – Luigi

Continua il proprio percorso di crescita il bravo Luigi che sta dando anche al suo produttore, Michele Canova Iorfida, l’opportunità di guardare a nuovi mondi sonori e produttivi trovando una nuova originalità. In questo caso la canzone si compone di un continuo crescendo che, però, non si avvicina mai eccessivamente al mondo delle ballate pop. L’intenzione è certamente quella di raccontare di un percorso d’innamoramento che si vuole cancellare ma l’occasione è quella giusta anche per parlare di sè. VOTO: 7.5

  • NOME – Nicol

La produzione di Bias continua a non aiutare la proposta musicale di Nicol che, per timbrica e scrittura, si rivela già naturalmente predisposta ad un affiancamento a Madame e al suo mondo musicale. La condivisione di un eguale produttore non aiuta l’allieva di Amici 21 a differenziarsi per davvero e, dunque, a risultare originale e credibile. In questa nuova occasione Nicol inserisce un graffio più accentuato nella sua voce variegando, dunque, la dinamica del cantato. Il brano ne beneficia e, in alcuni passaggi, sa far dimenticare all’ascoltatore la somiglianza alla più nota cantautrice vicentina. VOTO: 7

  • CONTROSENSO – Rea

Spinge nuovamente sull’acceleratore Rea che con la complicità della produzione di Mr.Monkey guarda ad un suono punk-rock per un singolo che ha la capacità di saper trascinare l’ascoltatore. Il vero grande problema di Rea rimane la sua personalità chiusa e defilata che, in un certo qual modo, si avverte anche ascoltandola. Nel momento in cui si aprirà davvero anche la sua musica ne godrà. VOTO: 7+

  • STUPIDI LOVERS – Sissi

Continua a volersi proporre disimpegnata, leggerissima e in linea con un cantato pulito, privo di variazioni e personalismi la brava Sissi. Se questa scelta la colloca perfettamente in linea con lo scenario del pop d’oggi contemporaneamente la rende simile a tante altre proposte. La squadra produttiva è quella delle grandi occasioni con la guida di Davide ‘d.whale’ Simonetta affiancato dalle penne autorali di Paolo Antonacci e Alessandro La Cava. La sensazione, però, è che se oggi tutto questo potrà funzionare grazie alla spinta televisiva, un domani sarà tutto troppo fragile per resistere alla prova del tempo. VOTO: 6.5

Acquista qui i brani |

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.