Top & Flop, settimana 14 del 2020: vola Annalisa, peccato per Nek – Recensiamo Musica
Top&Flop

Tutti i top ed i flop musicali dell’ultima settimana

I TOP:

Andrea Bocelli canta al Duomo di Milano: Un grandissimo Artista, con la A maiuscola, che da una voce alla speranza e alla forza dell’Italia, attraverso brani di musica sacra o classica interpretati in modo magistrale, in uno dei più grandi templi del nostro Paese. Un faro in mezzo alla tempesta.

Houseparty (Annalisa): Chi cerca l’Annalisa di una volta, quella che gorgheggiava in brani come Senza Riserva o in Alice ed Il Blu, non la troverà ma anzi, sarà costretto a vivere di nostalgia perenne, perchè ora la cantante savonese è questo, ritmi dance, strizzamento di occhi all’elettropop, testi meno sognanti ma più con un preciso sguardo sulla realtà. Era meglio prima, citando J-Ax? Sta al gusto dell’ascoltatore dirlo ma è indubbio che, inserito nel giusto contesto, questa musica sia veramente fresca.

Emergente top: Cara (feat. Fedez) – Le feste di Pablo: Ve la feci notare già diverso tempo fa, quando uscì il suo primo singolo ‘Mi serve’ ma è solo grazie all’introduzione di Fedez nel remix del suo brano che la giovane Anna (questo il vero nome dell’interprete cremasca) può volare. Un brano già molto fresco e canticchiabile impreziosito da una strofa di Fedez, semplice ma diretta. Speriamo sia il giusto spunto per farle raggiungere grandi palchi.

I FLOP:

Andrà tutto bene (Tommaso Paradiso feat. Elisa): L’intento benefico va sempre evidenziato, perchè in un periodo così brutto è importante cercare di fare del bene. Però che fatica, ragazzi. Una canzonetta inconcludente, in cui le voci non si amalgamano, senza mai veri guizzi e non adatta ad essere ricordata. Peccato.

Perdonare (Nek): Il cantante sassolese continua a non essere in forma. Questa sua nuova ballad trasmette poco e sembra un incredibile more of the same dei suoi ultimi pezzi, abbracciando per l’ennesima volta uno stile che ormai sa di stantio.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Di Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.