Top&Flop

Tutti i top ed i flop dell’ultima settimana musicale

I TOP:

  • Laura Pauisni ai Premi Oscar: è l’artista pop italiana più famosa ed attiva sulla scena internazionale da quasi 30 anni a questa parte. In molti altri ci hanno provato eppure nessuno è mai riuscito ad eguagliarne i risultati con eguale continuità ed efficacia. L’arrivo ai Premi Oscar con Io si (Seen)‘ probabilmente non è giustificato dalla sua miglior canzone di sempre eppure è un grande riconoscimento per la sua carriera, per la nostra musica e l’intero nostro Paese.
  • Arisa – Ortica: Arisa è sinonimo di bella voce e di un animo un po’ pazzerello. Lo è stato anche in quest’ultima occasione in cui ha scelto di scrivere da sè e di farlo in napoletano. Il tutto, per giunta, dopo una ritrovata fortuna musicale grazie ad un passaggio al Festival di Sanremo centrato e positivo. La scelta potrebbe stranire e far discutere ma poi la senti cantare e capisci perchè rimane tra le migliori artiste nostrane qualunque cosa faccia.

Ultimo 2021

  • Ultimo – Buongiorno vita: molto poco originale eppure sempre così efficace. La sua scrittura orizzontale sposa diversi linguaggi eppure lo fa sempre con semplicità e aderenza alla realtà. La sua voce, a tratti sgraziata e tecnicamente imperfetta, aumenta la verità di ciò che canta. La canzone probabilmente non si distingue dalle tante altre che l’hanno portato fino a qui ma continuerà a far cantare chi cantava anche le precedenti (sperando, magari, che i pezzi grossi siano riservati al futuro).

I FLOP:

  • Ligabue – Essere umano: a differenza del più giovane cantautore di cui sopra, Ligabue è ormai da 30 anni che si ripete senza troppa inventiva e originalità. Anche questo nuovo singolo è l’ennesima riproposizione della classica “canzone alla Ligabue”. Tutto bene quello che finisce bene ma al Liga serve urgentemente un brano capace di diventare un nuovo classico.
  • Povia: fa discutere salendo alle cronache del dibattito sociale attuale. Prova a cavalcare l’onda con una pubblicazione musicale che, in realtà, nulla aggiunge alla sua carriera e che, invece, non fa che confermare il fatto che musicalmente sia da troppo tempo fuori fuoco. Le idee che esprime, poi, sono altra cosa qui fuori contesto…
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.