Top&Flop

Tutti i top ed i flop musicali dell’ultima settimana

I TOP:

Il Mio Amico – Madame feat. Fabri Fibra: Un beat funky in stile Daft Punk per un inno dedicato al rap. Madame decide di presentarsi in una veste inedita da quella che ha indossato finora dedicandosi ad una classica hit da discofever anni ’90 con un feat di Fibra in sapore antico che però non si distacca troppo dalle sue produzioni più recenti. Interessante per una volta vederla fuori dall’ambito street.

Non c’è più musica – Mr. Rain (feat. Birdy): Una collaborazione delicata ed intensa tra una penna raffinata ed una delle migliori voci del panorama internazionale. L’amalgama è precisa e pulita e non sembra la solita collaborazione plasticosa e posticcia che spesso vediamo tra cantanti internazionali e cantanti italiani. Un pezzo veramente bello come antipasto del disco.

Mr.Rain

Ferma a Guardare – Ernia (feat. Pinguini Tattici Nucleari): Il pezzo era già uscito nell’album Gemelli ma qua Ernia lo impreziosisce aggiungendoci il contributo della band rivelazione del momento, i Pinguini Tattici Nucleari, che si aggiungono ad un ritornello già molto canticchiabile di suo. Innovativo.

EMERGENTI TOP:

Caterina – La Promessa: L’ennesimo pezzo fresco e che sa di brezza marina realizzato dalla cantautrice trentina, resa famosa dalla partecipazione alla decima edizione di XFactor. Un brano energico, dolce, giocoso, come ormai è nel suo stile.

Giulia Molino – Comm’a ll’aria: L’ennesimo brano urban dell’ex amiciana che ormai si trova immersa perfettamente nel mondo del rap napoletano e dimostra sempre di più quale sia la sua vera pelle.

I FLOP:

Pezzo di cuore – Emma feat. Alessandra Amoroso: Una canzone suonata bene e cantata ancora meglio con le voci delle due interpreti che si intrecciano in un abbraccio rimasto in sospeso per tanti anni. Il problema però è che è tutto così atteso, un qualcosa rimasto ibernato appunto, fuori tempo massimo di diversi anni. E sia chiaro, niente da togliere a due delle migliori artiste del panorama italiano ma semplicemente il pezzo non è niente che illumini la discografia di oggi. Qualche anno fa sarebbe stato tra le cose migliori a detta di tutti.

No Satisfaction – Ermal Meta: Un Ermal in sonorità moderne e di nuova generazione che, però, non gli calzano del tutto bene addosso e lo fan sembrare un po’ troppo fuori posto. Non è il modo migliore per coniugare e modernizzare il cantautorato più soft. Peccato, occasione non sfruttata al massimo.

Ermal Meta 2021

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

By Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.