Top&Flop

Tutti i top ed i flop dell’ultima settimana musicale

I TOP:

Elisa – A tempo perso / Show’s Rollin: Due brani dal sapore completamente diverso per la cantante friulana che annunciano la dualità del suo nuovo doppio disco di inediti. Il brano in lingua inglese è un gustoso pezzo soul energico e moderno mentre ‘A Tempo Perso‘ è un brano elettronico ritmato contaminato con lo stile delle ballad pop che occhieggia molto a ‘Seta, il singolo attualmente in radio. Due ottime proposte che vi terranno compagnia qualsiasi cosa voi stiate cercando.

Franco126 – Uscire di scena: Nonostante il titolo drammatico il cantautore romano non sembra volersene andare dalla musica ma pubblica questo mini-progetto solo per completare il ciclo lasciato aperto dal suo ultimo disco ‘Multisala. Questo EP intelligente richiama sonorità e stile di Califano ma con un’impronta unica data dall’inconfondibile capacità poetica di Federico Bertollini. Le produzioni di Ceri completano una fotografia malinconica ma divertita della nostra società. Pezzi perfetti da ascoltare in una sera con gli amici davanti ad un falò.

Il Pagante – Devastante: Chi cerca raffinatezza ed eleganza stia lontano da questo disco. Le sonorità ed i testi del Pagante sono lo specchio delle notti disimpegnate della Milano che non dorme mai, delle feste, dei locali, delle vacanze lussuose e del divertimento sulla neve. Dopo aver provato a darsi un tono più nazionale in questo disco li risentiamo sfacciatamente milanesi ed il risultato, per chi è da quelle parti, è una vera botta di adrenalina. Chi invece non è abituato a questo tipo di sfarzosità e di provocazione potrà giustamente chiedersi cosa ci sia dietro tutta questa patina di cassa dritta mischiata a satira sociale oppure semplicemente alzare il volume e lasciarsi andare.


EMERGENTI TOP:

Rovere – crescere: Una piacevole ballatona pop. Si allontana dai Rovere più spensierati e danzerecci per ritornare alle origini ed al romanticume ma è un esperimento ben gradito. Un pezzo senza troppe pretese, sentimentale ma leggero, con dei bellissimi arrangiamenti e delle chitarre immaginifiche. Da godersi ad occhi chiusi.


I FLOP:

Laura Pausini – Scatola: Laura ha deciso di cambiare stile e progettualità, affidandosi nelle sapienti mani di Madame e Shablo. Il pezzo è una ventata di aria fresca rispetto alle ultime produzioni della cantante più amata d’Italia però rimane un brano pensato soprattutto per i fan (e non per tutti). Il dialogo con la Laura del passato emoziona ma senza colpire troppo. Insomma, un bel brano che probabilmente in un album sarebbe una deliziosa perla ma che come singolo, forse, non ha la forza necessaria per imporsi. Ma la strada è quella giusta.

Laura Pausini 2022

Tommaso Paradiso – Lupin: Tommaso Paradiso ormai è la cover band di se stesso. Un pezzo con sonorità da ballatone un po’ vaporwave che assomiglia a moltissime altre sue ballatone precedenti. Manca l’ingrediente fondamentale con cui stupirci e lasciarci a bocca aperta, che a questo punto ho il sincero dubbio riuscirà mai a ritrovare. Anche perchè ormai anche i The Kolors han percorso questa strada ma a loro riesce decisamente meglio.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

By Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.