Top&Flop

Tutti i top ed i flop dell’ultima settimana musicale

I TOP:

Manifesto – Loredana Bertè: Un disco sorprendente da un’artista poliedrica e sempre istrionica. Loredana Bertè ha 71 anni ma ha ancora una grandissima voglia di esprimersi e dire la sua in svariati modi diversi. L’album è fresco, moderno, ricco di collaborazioni interessanti e con dei sound veramente pazzeschi. Da insegnare a molte colleghe che faticano a cambiare pelle.

Arisa – Altalene: Un pezzo fresco accompagnato da un video provocante. Arisa autoproducendosi scopre una nuova sorprendente e positiva linfa vitale che era rimasta soffocata da logiche discografiche troppo stringenti per un’artista come lei. Un tappeto elettronico intrigante con un testo seducente per una Arisa quasi inedita ma sulla falsariga del precedente “Psyco” (di cui qui la nostra recensione).

Arisa

Morire Morire – Fedez: Fedez torna finalmente alle origini della sua discografia con un pezzo aggressivo, forte, dissonante, un’attitudine rock ed un testo intriso di una tagliente critica sociale. L’album si prospetta sicuramente esplosivo.


EMERGENTI TOP:

Laila Al Habash – Mystic Motel: La giovane cantante italo-palestinese può essere il futuro della musica italiana. Dodici pezzi con uno stile riconoscibilissimo, un’impronta elettronica ed un cantato moderno che esalta perfettamente ogni pezzo.


I FLOP:

Rocco Hunt – Rivoluzione: Un disco che di rivoluzionario ha ben poco. Molti brani si fanno ascoltare piacevolmente e sono anche potenziali tormentoni ma l’effetto è quello del Rocco Hunt di sempre che abbiamo imparato a conoscere. Peccato, si poteva cercare il salto di qualità. Per fortuna però ci sono anche dei bei pezzi urban che si differenziano dagli ormai classici pezzi estivi.

Che fine ha fatto Sanremo 2022?: In teoria manca un mese e qualche giorno all’annuncio del cast che comporrà la manifestazione ma sembra che a nessuno interessi più di tanto. I siti specializzati non si stanno dipanando in troppe speculazioni e l’atmosfera sembra veramente poco calda. Si conosce meno del dovuto oppure l’attenzione è riservata, per ora, ad altro? Speriamo in bene.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

By Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.