Top&Flop

Top & Flop, settimana 47 del 2023: Morgan fa Morgan, Amadeus non sorprende su Sanremo 2024

Tutti i top ed i flop del mondo musicale italiano dell’ultima settimana

I TOP:

  • Morgan, XFactor e il “come volevasi dimostrare”…

Morgan viene pregato di ritornare ad XFactor, un format in declino e senza più alcuna parvenza di possibilità di successo (né discografica né televisiva). Fa Morgan. Esagera (tanto, troppo). Gli altri si inca**ano. Fanno fuori Morgan. Polemiche a non finire. Ne parlano tutti schierandosi pro o contro il cantautore. Nel frattempo lui coglie la palla al balzo e svela gli altarini di accordi, giri loschi e monopoli inviolabili che stanno alle spalle di uno show che dovrebbe essere una gara canora imparziale. Ecco che si inca**ano in molti altri. Tutto come volevasi dimostrare. Persino gli ascolti televisivi che, nella puntata post-bufera, raggiungono il picco degli ultimi anni. Sarà un caso? No, è Morgan (anche se non c’è) che tira avanti la carretta di quel programma. Proprio come si voleva dimostrare.

  • Quando nevica – Elisa

Prendete Elisa e la sua voce magica. Mettetele in un’atmosfera sognante come il Natale e costruiteci attorno un brano delicato, angelico e basato esclusivamente su archi e orchestrazione. Il risultato è già da standing ovation ancor prima dell’ascolto. Quando nevica” non è, in realtà, il punto più alto della produzione della cantautrice friulana ma è un ottimo episodio in attesa di un disco (Intimate) che già dal titolo promette di regalarci molte soddisfazioni.

Elisa - Quando nevica

  • Stupida libertà – Luigi Strangis

E’ la prima vera ballata del repertorio del giovane cantautore calabrese, vincitore della ventunesima edizione del talent di “Amici di Maria de Filippi” e ci si chiede perchè non sia arrivata prima. Si, è vero, la voce rimane a tratti sporcata di un sentore di resa graffiata ma la struttura della forma-canzone è quella più tipicamente pop con dedica ad una malinconia velata. Il risultato è gradevole, sorprendente e interessante da seguire nella propria futura evoluzione (sperando che ce ne sia una).

I FLOP:

  • La co-conduzione di Sanremo 2024

Diciamoci la verità, tranne rarissime eccezioni le co-conduzioni sono state il punto debole dei 5 Festival di Sanremo condotti da Amadeus. Troppo poco lo spazio di una serata per farsi notare. Troppo lo spazio, invece, riservati a monologhi non sempre irresistibili. E poi perchè la presenza femminile deve essere sempre ricondotta allo spazio di un monologo? Per il Festival del 2024, Amadeus ha scelto Marco Mengoni (ultimo vincitore), Giorgia, Lorella Cuccarini, Teresa Mannino e Fiorello. Un fritto misto che, sulla carta, non sorprende troppo nè promette picchi troppo alti. Un cambio di rotta in questo senso ce lo si poteva augurare.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.
Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.