Top&Flop

Tutti i top ed i flop musicali dell’ultima settimana

I TOP:

Magica Musica – Venerus: Un disco interessante che sperimenta diverse sonorità e che riesce ad amalgamare la voce particolare del cantante milanese su beat variegati e mai banali. prodotti dall’amico di sempre MACE, già produttore del bellissimo OBE. Un qualcosa di finalmente diverso nella musica italiana.

Bugie – Massimo Pericolo: Il primo singolo che anticipa il nuovo disco del contestatissimo rapper è un brano che, con i soliti modi rudi, parla della società di oggi e dei personaggi che la compongono immersi in spirali di falsità e perbenismo spicciolo. Lo stile è moderno e preciso, lontano dagli stilemi del primo disco del rapper e più vicino a ciò che va di moda oggi. Interessante.

LODO – Lo stato sociale: Nonostante potesse essere prevedibile, essendo il cantante ed autore della maggior parte dei brani del gruppo che amiamo, l’EP solista di Lodo Guenzi è uno dei più interessanti dei quattro usciti finora. Feat molto “gigioni” che chiamano in causa personaggi di spicco della scena musicale moderna come Margherita Vicario, Danti, cmqmartina, Samuel Heron e Galeffi, ma tutto perfettamente credibile ed immerso nelle atmosfere sonore tipiche del cantautore bolognese.

Mostro – Federica Carta: Una canzone intensa sull’accettazione di sè stessi e sulle proprie paure. Federica lascia tutti gli orpelli sonori finora accumulati e torna alle origini, alla magia piano e voce con cui aveva conquistato ad Amici. Si arriva quasi alle lacrime.


EMERGENTI TOP

Le luci – Mydrama (feat. Dani Faiv): L’ex talento di XFactor continua col suo stile fortemente elettronico su una hit danzereccia, senza pretese, impreziosita dal rap stentato di Dani Faiv. Un netto avanzamento da ciò che aveva fatto vedere nel corso del talent.

Mydrama e Dani Faiv


I FLOP:

Quando Dio Ti Ha Inventata – Emanuele Aloia: Il ragazzo dei record smette di fare canzoni sulle opere d’arte (se non l’ovvio riferimento michelangiolesco in copertina) e trova una battuta d’arresto. Ormai lo stile sembra ripetersi troppo su se stesso senza mai innovare veramente.

20100 – Matteo Mobrici: Convince poco l’esordio solista per l’ex frontman dei Canova che partorisce una canzone dalla forte impronta indie che è troppo anni ’00 e risulta anacronistica e senza alcun mordente, totalmente opposto a quello che rendeva unico il gruppo di cui faceva parte.

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

By Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.