Top&Flop della settimana 40 del 2017: fantastici i Negramaro, Antonacci combina guai

Quali sono i top e quali i flop dell’ultima settimana musicale?

TOP:

  • Il regolamento di Sanremo 2018: Si, è vero, si farà notte con tutte queste canzoni così lunghe di fila ma finalmente il festival mette al centro la musica come dovrebbe essere. Anche sentire dei forti duetti invece magari di artistelli che rovinano canzoni storiche della musica italiana è un bene. Bravo Claudio.
  • NegramaroFino all’imbrunire – Negramaro: Giuliano Sangiorgi ed i suoi compagni d’avventura tornano con un pezzo fortissimo che non tradisce il classico stile pop-rock della band pugliese ma lo unisce con una ritmica fresca ed accessibile che strizza l’occhio alla contemporaneità.
  • Sindrome di Toret – Willie Peyote: Il rapper torinese torna più fresco, arrabbiato e piccante del solito. Ottimo disco che salva il buon Willie da un singolo di lancio non così eccelso.

FLOP:

  • Gianni Morandi - Dobbiamo fare luceDobbiamo fare luce – Gianni Morandi: Provo molta stima per il Gianni nazionale ma è mai possibile che non riesca più ad innovarsi e proponga sempre lo stesso pezzo da diverso tempo? Piacevole da ascoltare ma ben poco sorprendete.
  • Oro & Argento – Gemitaiz: Meglio delle sue ultime uscite ma il rapper romano non riesce più a convincere come nel suo massimo periodo. Certo, sempre convincente nei mixtape e capace di sfornare dell’ottimo rap ma nulla più.
  • Biagio Antonacci con Laioung: Certo, non abbiamo ancora sentito il pezzo. Ma sinceramente che un importante cantante pop italiano con 50 anni di vita alle spalle decida di duettare con uno dei peggiori trapper italiani, tutto swag e denti d’oro mi lascia estremamente perplesso. Non dovete svecchiarvi a tutti i costi.
The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *