Una carezza al ricordo e un pugno allo stomaco per Enrico Nigiotti in “Nonno Hollywood” – RECENSIONE – Recensiamo Musica

Un brano che parla alla memoria con dolcezza e forza

Ci sono canzoni che emozionano perchè sono oggettivamente bellissime, perchè sono cantate da voci soavi e riconoscibili, perchè sono scritte magistralmente. Poi ci sono quelle canzoni che emozionano per ciò che dicono, per quel pugno allo stomaco contemporaneo alla carezza sul viso che donano a chi le sa cogliere forse per esperienze di vita comuni. Ecco, Nonno Hollywood di Enrico Nigiotti è una di quelle canzoni. Uno di quei pezzi che deve essere catalogato nel ripiano di “storie/canzoni vere”.

A parlare è un uomo, un ragazzo, un nipote che con verità si rivolge al proprio nonno, alla propria guida, all’esempio che ciascuno trae dal proprio progenitore, a volte persino di più che dal proprio padre. E fa piacere che a parlare, e a scrivere, sia solo Enrico. Vedere un unico autore per un pezzo così importante e personale lo fa odorare ancor più di verità, di un’autentica partecipazione.

Dentro questo pezzo c’è tutto quello che deve esserci: la delicatezza di una voce graffiata dall’esperienza della vita più difficile, i ricordi di “ogni volta che ridevi”, la riflessione su di una società che pare fin troppo distante da quanto si ama e si apprezza. C’è spazio per la malinconia, per “la Livorno che sai raccontare”, per i ricordi che affollano la mente anche di notte. C’è spazio per le cose concrete e di tutti i giorni come la campagna, il vino e le donne, raccontate con quella semplicità che la canzone, e la vita nel suo aspetto generale, invita a cogliere e far propria. C’è spazio, però, soprattutto per la vita. Quella vita che viene dipinta poeticamente come “un ponte che ci può crollare”: un’immagine che sapientemente racchiude tutte le dicotomie dell’oggi fatto di apparenze, instabilità e mancanze.

C’è da lottare, da provare a non cadere e, semmai, ricordarsi sempre che una volta caduti “sono cazzi nostri” anche perchè viviamo circondati da “una generazione che non so sentire” e che si ritrova a vivere dentro ad “un mondo a pile” in cui la batteria può esaurirsi da un momento all’altro. Malgrado tutto, però, c’è da ricordare, come dice Enrico nell’ultimo special finale, che “infondo siamo storie con mille dettagli, fragili e bellissimi tra i nostri sbagli”. Sbagli che raccontano di carezze e pugni allo stomaco. Proprio come questa canzone sui nonni e i nipoti, sull’oggi e ieri, sulla vita.

Acquista qui il brano |

[amazon_link asins=’B07NDPVZ5C’ template=’ProductCarousel’ store=’recensiamomus-21′ marketplace=’IT’ link_id=’65a8628f-9680-4128-828f-5345d187c317′]

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...
Un pensiero su “Una carezza al ricordo e un pugno allo stomaco per Enrico Nigiotti in “Nonno Hollywood” – RECENSIONE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.