sabato, Maggio 25, 2024

CLASSIFICHE

SUGGERITI

Una Nessuna Centomila, la forza della musica

Stasera va in onda, su RaiUno l’evento Uno Nessuno Centomila, condotto da Amadeus, a cui hanno partecipato tanti protagonisti della scena musicale italiana.

Durante le due serate del 4 e del 5 maggio, si sono alternati in duetti inediti e performance emozionanti i seguenti artisti: Alessandra Amoroso, Annalisa, Samuele Bersani, Big Mama, Brunori Sas, Elodie, Emma, Niccolò Fabi, Achille Lauro, Ermal Meta, Fiorella Mannoia, Francesca Michielin, Fabrizio Moro, Mahmood, Noemi, Piero Pelù, Giuliano Sangiorgi, Tananai, Paola Turci, Anna Foglietta e Massimiliano Caiazzo.

Tutti uniti per un obiettivo comune: dare un aiuto concreto ai centri e alle organizzazioni che sostengono e supportano le donne vittime di violenza.

Grazie al pubblico accorso all’Arena di Verona sono già stati raccolti €600.000 ripartiti e devoluti a 9 centri antiviolenza italiani, individuati dalla Fondazione Una Nessuna Centomila tenendo conto dei progetti dei centri antiviolenza, del lavoro da essi svolto e delle loro esigenze.

Nel Backstage, ai microfoni di Andrea Delogu per Rai Radio2, ha raccolto i commenti di alcuni dei protagonisti.

Amadeus

“La musica unisce e quando porta dei messaggi forti come il rispetto, l’amore, la libertà, è il mezzo più potente che uno ha a disposizione. Per questo la musica deve essere per tutti”.

“È stata una serata pazzesca. Il pubblico è partecipe: balla, canta, si commuove, ho visto che mandavano gli SMS. Tutti questi artisti hanno trascinato il pubblico con le loro canzoni. Una Nessuna Centomila è una di quelle serate che rimangono nel cuore. Fiorella Mannoia ha detto una cosa giustissima: la musica ha una forza incredibile. In uno dei miei manifesti a Sanremo avevo scritto ‘la musica non si ferma mai’, perché la musica unisce, non c’è differenza di età, di sesso, colore della pelle, livello sociale…E quando porta dei messaggi così forti come il rispetto, l’amore, la libertà, è il mezzo più potente che uno ha a disposizione. Ecco perché la musica deve essere per tutti, a partire dai giovani”.

Mahmood

“Mia madre la donna più importante della mia vita, mi ha insegnato la libertà. Sul palco riesco a esprimermi in maniera spontanea”

“La donna più importante della mia vita è mia madre e mi ha dato tanti insegnamenti. Forse quello più importante è che non bisogna cercare di essere migliore per gli altri, ma per noi stessi. Essenzialmente mi ha insegnato la libertà. Il palco mi aiuta a mostrare dei lati di me che nella quotidianità magari non faccio uscire, però sono sempre dentro di me. Si genera uno spazio totalmente libero, mi sento proprio libero di esprimermi in maniera spontanea”, ha aggiunto ricordando poi il numero solidale per la raccolta fondi della Fondazione, a favore dei centri antiviolenza attiva fino all’11 maggio: “Donate al 45580, sosteniamo questa causa perché è importante”.