X-Factor Pagelle

Le nostre pagelle della prima puntata di bootcamp

Con l’annuncio di Lodo Guenzi come nuovo giudice di XFactor al posto di Asia Argento, arrivano anche le pagelle di questi primi bootcamp. Nella prima puntata dedicata a questa nuova fase è toccato a Fedez e Manuel Agnelli fare le loro scelte, rispettivamente per gli over e le under donna. Addentriamoci nei meandri di questi ventiquattro concorrenti, dei quali ne son rimasti in gara soltanto dieci.

UNDER DONNA

Helena Russo (Try): Registrata non sembra nemmeno cosí male ma manca della presenza scenica e dell’intonazione per affrontare una canzone del genere. Voto: 5.5

Ilaria Pieri (Garden): Sembra una delle tante ragazze con la chitarra sparse nel mondo, invece si dimostra capace di affrontare con coraggio Halsey, rivisitandola. Non posso garantire un suo successo ma qualcosa sotto la polvere c’è. Voto: 7-

Deborah Zappia (Come Foglie): Una bella voce ed uno spirito da performer non bastano per entrare ad XFactor. Potrebbe avere possibilità con un po’ di lavoro e capacità interpretative. Voto: 8

Edy Maria Del Cane (Distratto): Uno dei migliori personaggi dell’edizione. Canta la Michielin tingendola di sfumature. Il clichè della ragazza con la chitarra è sempre pronto all’angolo ma lei riesce a destreggiarsene con abilità. Voto: 7.5

Luna Melis (Black Widow): Che bomba la riccia! Luna spara le strofe rap come una mitragliatrice gatling e non se la cava nemmeno male nelle parti cantate. Se gestita bene è il crack dell’edizione. Voto: 9-

Elena Piacenti (Through The Barricades): Un pezzo bellissimo reinterpretato con la giusta delicatezza. Ma non è abbastanza, manca quel quid in più. Peccato, perché il talento è innegabile. Voto: 7

Alessia “JJ” Gerardi (Big Black Horse And The Cherry Tree): Che noia sta canzone. Scelta da chiunque sappia un minimo usare la chitarra. Lei svolge bene il suo compito e si dimostra anche capace ma la canzone uccide abbastanza la performance. Voto: 7-

Giorgia “Joey Funboy” Bertolani (Apologize): Lei è un fenomeno, è veramente brava, ha un flow da paura e spacca un botto. Purtroppo, però, questa performance non le rende giustizia. Tanto tanto peccato. Voto: 5

Camilla Musso (Guardastelle): Lei ha una voce da brividi e sa interpretare come poche al mondo. Non è il mio genere ma non posso negare una bravura incredibile. Voto: 8-

Anita Guarino (Paracetamolo): Portare Calcutta ad un talent show è da defenestrazione immediata. Peccato, perché lei è molto carina e sa suonare. Voto: 5+

Sherol Dos Santos (Listen): Che voce. Spettina pure chi sta a casa. Oltre. Voto: 10-

Martina Attili (Life on Mars?): Non rende così bene come con l’inedito, si dimostra spenta e priva di personalità canora. Rimane comunque una bella voce ed una ragazzina tutto pepe ma potrebbe non bastare. Voto: 7/8

Passano agli Home Visit: Martina, Luna, Ilaria, Sherol e Camilla

OVER

Matteo Costanzo (Insieme a te sto bene): Il producer di Ultimo torna prepotentemente in gioco stravolgendo Battisti in una versione moderna. Interessante ma un po’ troppo. Voto: 8+

Valeria Romitelli (Chasing Pavements): La povera Valeria, già vista in innumerevoli occasioni, distrugge totalmente Adele in un’esibizione dimenticabile. Ultimo treno? Voto: 5-

Mattia Lezi: Non si può dire che quest’uomo manchi di fantasia, porta un altro inedito molto strano ed interessante. Poteva essere una quota sorpresa particolare. Voto: 7-

Naicok Nay Fuentes (Unforgettable): Fedez dimostra per l’ennesima volta di detestare chiunque faccia il suo genere. Peccato, perché il ragazzo ha talento e la scelta di French Montana lo enfatizzava. Voto: 8+

Alessandro “Alo” Casini (La costruzione di un’amore): Uno dei migliori talenti degli over si brucia (per l’emozione?) con un’esibizione pessima, stonata e che non gli rende giustizia. Voto: 4.5

Renza Castelli (Mad about you): Banale lo è, senza dubbio. Però anche in questo caso si intravede un talento che aspetta solo chi lo faccia sbocciare. Voto: 8

Luca Rattotti (Irene): I Pinguini Tattici Nucleari sono una scelta fantastica e bisogna applaudirla a scena aperta. Non è la migliore versione in assoluto ma possiamo anche capirlo. Voto: 7/8

Gaston Facundo Gordillo (Riptide): Che noia. Spero che se entri, Fedez lo svecchi perché mantiene troppo l’attitudine da busker inespressivo. Non mi arriva. Voto: 5

Ilenia “Bent” Bentrovato (Gli uomini non cambiano): La canzone, secondo me, era giusto urlarla, perché è specchio di una delusione e di un dolore interiore verso le sofferenze della vita. Non è un’esibizione classica ma da quando a XFactor lo stiamo cercando?. Voto: 8+

Danilo “Danjlo” Turco (Anna e Marco): La sua giustificazione che non si sentiva nelle cuffie è una bugia bella e buona e lo apprendiamo grazie al montaggio. Vergognoso. Voto: 2 (per la faccia tosta)

Jennifer “Jaemi” Milan (Pillowtalk): Conosci altri cantanti oltre a Zayn? A parte le battute, la ex amiciana è migliorata moltissimo e non perde occasione di dimostrarlo con un’ottima esibizione, su un pezzo non facile. Voto: 8

Naomi Rivieccio (Ain’t no other man): Ritorna con un look più sexy e che bomba, ragazzi! Un carisma ed una voce micidiale. Voto: 9+

Passano agli Home Visit: Jennifer, Naomi, Gaston, Renza e Matteo

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

By Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.