Mai dire mai - Anna Tatangelo - 15 anni

L’anniversario dell’uscita del lavoro discografico

Ricorrono oggi, 2 novembre 2022, i quindici anni dalla pubblicazione dell’album d’inediti “Mai dire mai” di Anna Tatangelo. Un progetto che, al fine di festeggiare l’anniversario della sua distribuzione, vogliamo rivivere ripercorrendone il percorso, le canzoni e le curiosità.

Il contesto della pubblicazione |

Terzo lavoro dell’interprete di Sora, “Mai dire mai” fu, per la carriera discografica di Anna Tatangelo, il progetto del ritorno ad un album d’inediti dopo 2 anni e mezzo dal precedente disco. Pubblicato il 2 novembre 2007 dall’etichetta di BMG del gruppo Sony Music Italy, il disco segnò una maturazione del repertorio della voce di ‘Ragazza di periferia’ che rimaneva, tuttavia, legata al mondo autorale e produttivo di Gigi d’Alessio.

“Mai dire mai” venne ripubblicato da Anna Tatangelo nel febbraio del 2008 in seguito alla sua nuova partecipazione al Festival di Sanremo. Nella riedizione del disco venne inclusa la canzone in gara durante la kermesse oltre che la versione che di questo venne realizzata con la voce di Michael Bolton.

Le canzoni |

L’album fu pubblicato nella sua versione originale includendo 11 brani inediti in tracklist. Rispetto al lavoro precedente viene confermato alla produzione e direzione artistica Gigi D’Alessio che assume un ruolo fondamentale anche nella scrittura di gran parte dei brani insieme a quello che può essere considerato un vero e proprio team che cuce, attorno alla voce di Anna, un repertorio per lo più aderente al pop dei primi anni ’00.

Anna Tatangelo 2007

Ad aprire e chiudere la tracklist definitiva del disco il brano presentato al Festival di Sanremo 2008 Il mio amico. Il pezzo, scritto interamente da Gigi d’Alessio, fece parlare per il suo affrontare il tema di un amore omosessuale raccontato sotto l’idea della normalità ma anche della sofferenza interiore e della fragilità. Sulle ali di una classica ballata sanremese che mette la componente sinfonica in primo piano, la voce delicata e sicura di Anna Tatangelo mette in evidenza tutte le sue capacità dimostrando calore timbrico e classicità interpretativa al servizio di un tema narrativo importante. Il duetto conclusivo con Michael Bolton poco aggiunge, in realtà, all’impianto e al valore del pezzo se non una vocalità più soul e scura e la nomea di una prestigiosa ed importante collaborazione internazionale.

La pubblicazione originale del disco venne promossa da Averti qui, primo episodio di una Anna Tatangelo cantautrice per il racconto di una nascente storia d’amore, e da Lo so che finirà, dedita, invece, alla fine di una relazione su di una lenta melodia suadente. Un unicum sonoro nella tracklist risulta essere la sorprendete Sono fatta così che si propone di trattare tratteggiare un ritratto personale passando da sfumature quasi rock a quelle di un controcanto soul e gospel. L’apporto autorale di Massimo Greco si rivela quello più sperimentatore di questo progetto. Gioca con i cori anche l’inciso di Sei come me che guarda anche alla componente elettronica per l’arrangiamento mentre, invece, la titletrack Mai dire mai suona più tradizionale.

Importanti sono anche le firme di Cosa ne sai. Dotata di quel sapore pop-rock delle loro migliori produzioni, Gaetano Curreri, Saverio Grandi e Niccolò Fragile dipingono un racconto di una donna che racconta di sè sotto la lente d’ingrandimento dell’amore. Gigi d’Alessio torna autore anche per la dedica alla maternità in La più bella e per Un’ora che ti ho perso. Completano la tracklist la leggera Sorvolando, l’intensa Sono quella che vuoi tu che racconta a meraviglia l’universo femminile in rapporto alla sfera fisica e privata e la soffusa Qui.

Successo ed eredità |

Debuttato alla posizione numero 6 della classifica settimanale della FIMI, “Mai dire mai” raggiunse uno dei migliori risultati discografici della carriera di Anna Tatangelo. Il disco rimase nella top100 di vendita per 28 settimane consecutive. Questo risultato permise all’interprete di Sora di raggiungere la certificazione del disco di platino per le oltre 70.000 copie vendute nella somma del mercato fisico e digitale.

Tra i singoli, a raccogliere un consenso maggiore fu soprattutto l’estratto sanremese, ‘Mai dire mai’ che godette di un ottimo sostegno oltre che promozionale proprio grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo. La canzone ottenne anch’essa il riconoscimento del doppio disco di platino dalla FIMI con oltre 60.000 copie riconosciutele. A quindici anni dalla sua pubblicazione è probabilmente questa la canzone che più di ogni altra è rimasta nella mente di fan e ascoltatori che a quella canzone associano anche la dichiarazione d’amore che Anna Tatangelo rivolse in diretta a Gigi d’Alessio dopo la proclamazione del suo secondo posto al Festival.

Acquista qui l’album |

Miglior traccia | Il mio amico

Voto complessivo | 6.5/10

Mai dire mai | Tracklist e stelline

  1. Il mio amico ★★★★★★★★☆☆
    [Gigi d’Alessio]
  2. Averti qui ★★★★★★☆☆☆☆
    [Anna Tatangelo, Gigi d’Alessio – Gigi d’Alessio]
  3. Sono fatta così ★★★★★★½☆☆☆
    [Massimo Greco]
  4. Lo so che finirà ★★★★★★½☆☆☆
    [Anna Tatangelo, Gigi d’Alessio – Gigi d’Alessio]
  5. La più bella ★★★★★★★☆☆☆
    [Gigi d’Alessio – Adriano Pennino]
  6. Cosa ne sai ★★★★★★★☆☆☆
    [Saverio Grandi – Saverio Grandi, Gaetano Curreri, Nicolò Fragile]
  7. Sorvolando ★★★★★★☆☆☆☆
    [Marco Fasano – Vittorio Annona, Antonio Annona]
  8. Sono quello che vuoi tu ★★★★★★★☆☆☆
    [Alessandro Mancuso]
  9. Sei come me ★★★★★★☆☆☆☆
    [Massimo Greco]
  10. Un’ora che ti ho perso ★★★★★★☆☆☆☆
    [Gigi d’Alessio]
  11. Qui ★★★★★☆☆☆☆☆
    [Raffaello Di Pietro]
  12. Mai dire mai ★★★★★★★☆☆☆
    [Massimo Greco]
  13. Il mio amico feat. Michael Bolton ★★★★★★★☆☆☆
    [Gigi d’Alessio]
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.