Album History - 5 anni Amore Gigante - Gianna Nannini

L’anniversario dell’uscita del lavoro discografico

Ricorrono oggi, 27 ottobre 2022, i cinque anni dalla pubblicazione dell’album d’inediti “Amore gigante” di Gianna Nannini. Un progetto che, al fine di festeggiare il cinquennale della sua distribuzione, vogliamo rivivere ripercorrendone il percorso, le canzoni e le curiosità.

Il contesto della pubblicazione |

Diciannovesimo lavoro della cantautrice senese, “Amore gigante” (di cui qui la nostra recensione originaria) fu, per la carriera discografica di Gianna Nannini, il progetto del ritorno ad un album d’inediti dopo 4 anni e mezzo dal precedente disco. Pubblicato il 27 ottobre 2017 dall’etichetta di RCA del gruppo Sony Music Italy, il disco segnò un netto avvicinamento della voce di ‘Sei nell’anima’ al mood sonoro pop che, in quegli anni, inflazionava l’utilizzo di elettronica, tastiere e sintetizzatori riducendo il dinamismo nei suoni come nella vocalità.

Arrivato dopo un lungo periodo dal precedente disco, “Inno“, il progetto rappresentò un sempre più progressivo discostamento da un repertorio incentrato su una dichiarata volontà rock-pop. “Amore gigante” venne presentato da Gianna Nannini come un album nato dall’energia di guardare all’amore in modo nuovo. A guidare questo cambio di produzione fu l’arrivo di quel Michele Canova Iorfida che, in quegli anni, appariva come il Re Mida del pop tricolore.

Le canzoni |

L’album fu pubblicato includendo 15 brani inediti in tracklist. La vera e sostanziale novità del progetto consistette nell’approdo alla produzione di alcune tracce di Michele Canova Iorfida che affiancava le conferme consolidate degli inglesi Will Malone e Alan Moulder. In un linguaggio pop che va alla ricerca della modernità l’elemento cardine dell’intero progetto sta proprio nella ricerca di questo nuovo equilibrio tra suoni consolidati e contemporanee esigenze musicali.

Gianna Nannini 2017

Ad aprire la tracklist definitiva del disco è un trittico di brani che ben testimonia la sferzata contemporanea data al proprio repertorio da Gianna Nannini in un disco come ‘Amore gigante’. Su tutte campeggia, ovviamente, quella Fenomenale portata in rotazione radiofonica per anticipare la pubblicazione dell’intero progetto. Atmosfere create da tastiere e sintetizzatori rendono meno viscerale anche una voce come quella della Gianna nazionale che narra di un amore che si fa vivere sulle ali di una pazzia leggera e priva di quei dissidi interiori spesso cantati dalla voce di “America”.

Più ariosa vuole suonare la tracklist Amore gigante mentre, invece, Cinema non rifiuta affatto quel suono cadenzato e campionato sfruttando tutta la duttilità della firma di Davide Petrella in assonanza a tale scelta produttiva. Chiuso il trittico dei singoli radiofonici, “Amore gigante” adotta un ritorno alle atmosfere più care all’ultima Gianna Nannini. Il binomio conclusivo della tracklist sfrutta la firma di Francesco Bianconi per porsi all’antipodo opposto a quello offerto con le tracce d’apertura. Cosa vuoi si apre con il pianoforte per un amore che alterna passione e concetto mentre L’ultimo Latin Lover vuole ricercare un pop-rock più facilmente affiancabile al timbro della Nannini.

La parte restante del disco si divide tra le collaborazioni autoriali con Pacifico e quelle con Isabella Santacroce. La seconda c’è per un amore rivolto a se stessi dopo la fine di una storia in Non è vero oltre che quello immediato e rock di Senza un’ala. Più consistente, invece, è la presenza di Pacifico che rimane, tuttavia, incentrato su una narrativa amorosa che va dalla nostalgia di Pensami alle colpe di Tutta mia. Gli archi tipici delle ultime produzioni di Gianna Nannini si riassaporano per una tesa Filo filo o per Quasi quasi rimango. Sprazzi di elettronica vengono mantenuti per Piccoli particolari quando, invece, Tutto quello che voglio si gioca una più funzionale apertura pop per l’inciso. Chiudono Una vita con te che si apre con l’orchestra e Sabbie mobili.

Successo ed eredità |

Debuttato alla posizione numero 2 della classifica settimanale della FIMI, “Amore gigante” non riuscì a replicare i risultati del tutto di vendita dei progetti discografici precedenti di Gianna Nannini. Il disco rimase nella top100 di vendita per 17 settimane consecutive. Questo risultato permise alla cantautrice senese di raggiungere la certificazione del disco d’oro per le oltre 25.000 copie vendute nella somma del mercato fisico e digitale.

Tra i singoli, a raccogliere un consenso maggiore fu soprattutto il primo estratto, Fenomenale che godette di un ottimo sostegno radiofonico. La canzone ottenne anch’essa il riconoscimento del disco d’oro dalla FIMI con oltre 25.000 copie riconosciutele. A cinque anni di distanza è proprio questo brano a custodire l’eredità più tangibile (e forse l’unica) dell’intero progetto.

Acquista qui l’album |

Miglior traccia | Amore gigante

Voto complessivo | 6.2/10

Amore gigante | Tracklist e stelline

  1. Cinema ★★★★★★☆☆☆☆
    [Dario Faini, Davide Petrella]
  2. Fenomenale ★★★★★★½☆☆☆
    [Gianna Nannini, Davide Petrella]
  3. Amore gigante ★★★★★★★½☆☆
    [Gianna Nannini, Isabella Santacroce, Fortunato Zampaglione]
  4. Pensami ★★★★★★☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  5. Piccoli particolari ★★★★★☆☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  6. Filo filo ★★★★★★★☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  7. Tutta mia ★★★★★☆☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  8. Non è vero ★★★★★☆☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Isabella Santacroce]
  9. Quasi quasi rimango ★★★★★★☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  10. Tutto quello che voglio ★★★★★★½☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  11. Senza un’ala ★★★★★★½☆☆☆
    [Gianna Nannini, Isabella Santacroce]
  12. Una vita con te ★★★★★★☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Pacifico]
  13. Sabbie mobili ★★★★★★½☆☆☆
    [Gianna Nannini]
  14. Cosa vuoi ★★★★★★★☆☆☆
    [Gianna Nannini, Isabella Santacroce, Francesco Bianconi, Davide Tagliapietra, Claudio Guidetti]
  15. L’ultimo latin lover ★★★★★★☆☆☆☆
    [Gianna Nannini, Annalisa, Francesco Bianconi, Claudio Guidetti]
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.