Amici 16, dov'è la Vittoria? - Le pagelle del terzo serale - Recensiamo Musica

Amici 16, dov’è la Vittoria? – Le pagelle del terzo serale

Ritorno su queste pagine recensendo la terza puntata del talent del sabato sera Mediaset che per una delle prime volte nella sua storia ha perso contro il competitor Ballando Con Le Stelle nella serata in cui è stata eliminata la giovane ballerina Vittoria. Tutto torna nella vita. Ma passiamo subito alle pagelle.

Maria de Filippi. Che gli si può dire? Il suo lo sa fare sempre bene mettendo in piedi uno spettacolo che scorre liscio dall’inizio alla fine senza colpi di scena perchè tutto è pianificato e preparato alla perfezione. Non sempre questo è un bene e forse alla lunga non paga infatti i dati di ascolto lo rivelano. Ma lei il suo lo fa sempre. VOTO: 8

Ermal Meta. Puntuale, preciso, obiettivo. Questa settimana spiazza con la prova giudice mettendo forse in difficoltà (consapevolmente) Mike Bird da una parte e Riccardo dall’altra. La sua presenza in giuria si conferma puntata dopo puntata una scelta azzeccata. VOTO: 7

Ambra Angiolini. L’unica vera nota di colore di quest’edizione peccato che non sia ancora stata esaltata davvero come si faceva lo scorso anno con la Ferilli. Rimane comunque la migliore del coro. VOTO: 8

Eleonora Abbagnato. Non sboccia nemmeno questa puntata e rimane  glaciale e impenetrabile pur nella sua dolcezza infinita che trasmette. Grandi complimenti a tutti e forse anche per questo convince poco. Ci si aspettava più incisività. VOTO: 5

Daniele Liotti. Del tutto fuori dal coro e inutile in questo contesto che non fa per lui. Sarà un bravo attore ma come giudice ci azzecca poco. VOTO: 4

Elisa. Subisce il colpo di un avversario troppo lontano da lei e la sua luce par spenta. Non ha materiale umano su cui lavorare obbiettivamente e l’effetto modernità che ha portato nelle ultime due edizioni quest’anno non è ancora uscito ma davvero non è colpa sua. Per umanità rimane comunque molto al di sopra del suo rivale. VOTO: 7,5

Morgan. Eccentrico, troppo. Anche lui, però, paga come Elisa la mancanza di qualcuno che davvero stimoli la sua genialità artistica pur vantando capitale umano decisamente più disponibile a sperimentazioni. Il suo show forse ha già stancato e non è detto che stia portando grandi risultati. Non gli rimane che se stesso. VOTO: 6- (per le troppe polemiche)

Ti ho voluto bene veramente (Federica): La Carta inizia il suo percorso nella puntata davvero bene ma rivelandosi un po’ sottotono rispetto alle altre puntate. Tutto sommato però l’esibizione è veramente piacevole e come al solito la ragazza riesce a far emozionare ed a regalare brividi all’ascoltatore. VOTO: 8+

Io che non vivo/You don’t have to say you love me (Mike Bird & Thomas): Prova doppia per i due cantanti maschili della squadra di Morgan. Il buon Michele convince con la sua voce più decisa e precisa anche senza favoleggiare negli acuti (VOTO: 7.5) mentre Thomas scodella una voce profonda inaspettata e si pone come crooner ma i suoi sedici anni lo tradiscono notevolmente. (VOTO: 7+).

Ogni Volta (Mike Bird): Il giovane bianco torna a farsi valere ed interpreta in modo molto buono Vasco Rossi, tralasciando qualche difetto di intonazione che lo coglie durante la performance. Questo però non basta a distruggere la prova. VOTO: 7

Ogni Volta (Riccardo): Più intonato ma decisamente meno emozionante dello sfidante, Riccardo però non esce affatto sfigurato dalla prova e eguaglia quanto fatto dal rivale. VOTO: 7-

These are the days of our lives (Shady, Mike, Thomas, Morgan, Boosta): I bianchi se la cavano molto bene insieme e riescono a splendere esaltando l’insieme e non le singole voci. La totalità rende giustizia a Freddie Mercury. VOTO: 9-

Città vuota (Shady): La giovane bianca riesce a tener testa nientepopodimeno che a Mina cavandosela in ampi giochi su uno dei pezzi più belli della tigre di Cremona. Grande esibizione e la migliore. VOTO: 9+

Young and beautiful (Federica): La peggiore esibizione finora di Fede che, non solo sbaglia l’inglese, ma non si dimostra neppure all’altezza del pezzo. Nonostante questo però la ragazza è talmente brava vocalmente che riesce a farsi perdonare in ogni caso. VOTO: 6,5

L’estate sta finendo (Shady): Pezzo sbagliato ed esibizione che risulta quindi non particolarmente memorabile. Shady però riesce ad interpretare in modo molto personale tutto quello che le viene assegnato quindi vale lo stesso discorso fatto sopra per Federica. VOTO: 7-

Giudizi Universali (Riccardo): Le mie orecchie. Ok, non sei la Rastrelli ma ci son vie di mezzo. VOTO: 4

Cigarettes and coffee (Thomas): Un’esibizione che non svetta né nel bene né nel male. VOTO: 6+

Quei posti davanti al mare (Riccardo/Mike & Francesco De Gregori): La canzone di Fossati non rientra particolarmente nelle mie grazie, in più viene assegnata a Riccardo che ne fa uscire fuori una versione disastrata (5). Malissimo il Marcuzzo che si dimostra sempre inferiore al grande cantautore. Mike invece riesce a gestire meglio il pezzo però non è il migliore Mike, l’abbiam visto rendere molto meglio VOTO: 7,5

The following two tabs change content below.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un'altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere. Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Nicolò Giusti

Classe 1996, amo la musica da sempre e seguo qualsiasi cosa la riguardi. Aspettando dal 2011 la vittoria di un’altra under donna ad XFactor, continuo ad ascoltare quasi ogni genere.
Editorialista per Recensiamo Musica dal dicembre 2016 mi occupo di XFactor e dello spazio emergenti.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *