Dolcenera 2020

Recensione del nuovo singolo di Dolcenera, in radio dallo scorso venerdì 29 luglio

Quando ci si affaccia a un nuovo lavoro di Dolcenera, si sa già in anticipo di trovarsi davanti un’artista sempre nuova, originale e mai scontata. In grado nella sua carriera di piazzare diversi brani nell’alta classifica, riuscendo però a non farsi mai assorbire dal circo mediatico e conservando quindi una forte dignità artistica. Oggi si mostra più libera che mai e “Calliope (Pace alla luce del sole)” – seconda anticipazione dopo “Spacecraft” (di cui qui la nostra recensione) del nuovo progetto discografico della cantautrice pugliese – è la conferma di tutto questo.

La canzone |

Calliope era la musa della poesia epica, il suo nome significa “dalla bella voce” e il brano vuole porsi come un’implorazione a lei perché torni a raccontarci belle storie e non più fatti di morte. “Cantami, o diva“: Dolcenera cita Omero e Battiato per cercare di rifugiarsi di nuovo nella “bellezza che c’è“. Una richiesta in realtà metaforica perché siamo noi a dover far vincere il bello sulle sofferenze dell’ultimo periodo.

Nel testo sono infatti diversi i riferimenti velati a una pandemia da cui non siamo ancora del tutto usciti e ai recenti bollettini di guerra provenienti dall’Ucraina. Si parla di un “pazzo mondo“, di “violenze“, di una Madre Natura ormai arresa a dover “guarir ferite“. Disagi che non hanno fatto altro che acuire la precarietà della nostra condizione: “Non sappiamo niente, non sappiamo come va a finire“.

È un messaggio di condivisione dettato dalla nostra generale impotenza quello che emerge da questo brano. E, in questo senso, è centrata la scelta di suoni provenienti dalla “world music” che sfociano nei ritmi tribali di un ritornello in cui compaiono verbi pieni di vita come “baciare” e “ballare“. La visione di Dolcenera non è infatti del tutto negativa, ma si apre alla speranza di un’estate “che scaldi i cuori della gente“. Stagione descritta come uno “show” che possa finalmente portare amore, pace e serenità. Ciò di cui oggi abbiamo più che mai bisogno.

In conclusione |

Le canzoni estive non possono essere sempre scollegate dall’attualità. Leggerezza non deve per forza escludere il contenuto. Qui Dolcenera conferma la sua grande abilità da cantautrice riuscendo, allo stesso tempo, a portare una ventata di freschezza e a farci riflettere.

Perché la bella stagione significa sì voglia di spensieratezza, ma le ferite degli ultimi due anni sono impossibili da cancellare con un colpo di spugna. “Calliope (pace alla luce del sole)” è l’unica proposta di questa estate che non le dimentica e quindi ne rappresenta la sua vera essenza.

Acquista qui il brano |

The following two tabs change content below.

Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.

By Nick Tara

Classe '92, ascoltatore atipico nel 2022 e boomer precoce per scelta: mi nutro di tradizione e non digerisco molte nuove tendenze, compro ancora i cd e non ho Spotify. Definito da Elettra Lamborghini "critico della sagra della salsiccia", il sogno della scrittura l'ho abbandonato per anni in un cassetto riaperto grazie a Kekko dei Modà, prima ascoltando un suo discorso, poi con la sincera stima che mi ha dimostrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.