Colapesce e Dimartino

Recensione della canzone tormentone dell’ultimo Festival di Sanremo

Dopo un disco di pregevole fattura come I mortali, Colapesce e Dimartino decidono di consacrare la loro proficua collaborazione passando dalla porta principale, ovvero il palco dell’Ariston. Musica leggerissima è il titolo del brano diventato in poco tempo il simbolo dell’ultima edizione di Sanremo, capace di guidare le classifiche di vendita e quelle radiofoniche e di catapultare la coppia di cantautori in una nuova dimensione: quella del mainstream.

Colpapesce e Dimartino non sono certamente gli ultimi arrivati, sono artisti che hanno costruito due carriere importanti partendo dal basso, canzone dopo canzone, live dopo live, contribuendo come autori nella realizzazione di numerose hit degli ultimi anni e arrivando a questo Sanremo con il pezzo giusto nel momento giusto.

Musica leggerissima, contenuta nell’album I mortali2, disponibile da venerdì 19 marzo per 42 Records/Sony Music Italy, è una canzone molto più “impegnata” di quello che il titolo potrebbe far trasparire. La metafora della musica e dell’orchestra viene qui utilizzata per parlare della depressione, con una richiesta esplicita di poter ascoltare musica leggera, dettata dalla voglia di niente. Il duo siciliano (a cui qui la nostra intervista) ha spiegato più volte l’intento di voler “appesantire la musica leggera” e questo pezzo ne è la dimostrazione più lampante.

Solitamente nelle canzoni pop non si parla di certi argomenti, ma Colapesce e Dimartino compiono l’impresa di portare al grande pubblico un brano che si appoggia ad atmosfere leggere parlando di argomenti pesanti. Il suono dei violini come guai che arrivano crescendo e diventando adulti, quello dei tamburi che annunciano un temporale interiore e un maestro che se na va, come un pensiero o una certezza, lasciando l’individuo nel silenzio assordante di un momento di vuoto, ad un passo dal baratro, rappresentato dal buco nero.

Un silenzio assordante, quello descritto nel brano, che si lega benissimo anche con il momento storico che stiamo vivendo, in cui la pandemia ha distrutto ogni possibilità di far suonare questa musica, lasciandola imprigionata in uno spazio chiuso e senza coinvolgimento. Il duo di cantautori descrive al meglio il concetto di musica leggera utilizzando la suddetta forma in maniera originale, rielaborandola grazie a un testo pensato per far riflettere. L’effetto tormentone arriva grazie a un confezionamento mirato e ben pensato, con un arrangiamento semplice ed immediato che si appoggia a un giro di accordi capace di entrare immediatamente in testa.
In attesa di poterla cantare e ballare tornando di nuovo a condividere le emozioni della musica dal vivo, nel silenzio di una pandemia globale che ha costretto l’intera popolazione a riorganizzare i proprio spazi, i propri progetti e soprattutto le proprie abitudini, quello che questo brano ci ricorda è la necessità umana di avere a disposizione qualcosa per potersi svagare, per allontanare il più possibile i buchi neri della vita. Mettete un po’ di musica leggerissima, che poi leggerissima non è.

Acquista qui il brano |

Musica leggerissima | Testo

Se fosse un’orchestra a parlare per noi
Sarebbe più facile cantarsi un addio
Diventare adulti sarebbe un crescendo
Di violini e guai
I tamburi annunciano un temporale
Il maestro è andato via

Metti un po’ di musica leggera
Perché ho voglia di niente
Anzi leggerissima
Parole senza mistero
Allegre, ma non troppo

Metti un po’ di musica leggera
Nel silenzio assordante
Per non cadere dentro al buco nero
Che sta ad un passo da noi, da noi
Più o meno

Se bastasse un concerto per far nascere un fiore
Tra i palazzi distrutti dalle bombe nemiche
Nel nome di un Dio
Che non esce fuori col temporale
Il maestro è andato via

Metti un po’ di musica leggera
Perché ho voglia di niente
Anzi leggerissima
Parole senza mistero
Allegre, ma non troppo
Metti un po’ di musica leggera
Nel silenzio assordante
Per non cadere dentro al buco nero
Che sta ad un passo da noi, da noi

Rimane in sottofondo
Dentro ai supermercati
La cantano i soldati
I figli alcolizzati
I preti progressisti
La senti nei quartieri assolati
Che rimbomba leggera
Si annida nei pensieri, in palestra
Tiene in piedi una festa anche di merda
Ripensi alla tua vita
Alle cose che hai lasciato
Cadere nello spazio
Della tua indifferenza animale

Metti un po’ di musica leggera
Metti un po’ di musica leggera
Metti un po’ di musica, metti un po’ di musica
Metti un po’ di musica leggera

Metti un po’ di musica leggera
Perché ho voglia di niente
Anzi leggerissima
Parole senza mistero
Allegre, ma non troppo
Metti un po’ di musica leggera
Nel silenzio assordante
Per non cadere dentro al buco nero
Che sta ad un passo da noi, da noi
Più o meno

The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

By Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.