Il peso da portare per il successo a volte può diventare una prigione

Se ci fosse una voce sul dizionario dedicata a Giusy Ferreri l’apertura direbbe più o meno “nome d’arte della cantante Giuseppa Gaetana Ferreri, nata a Palermo il 18 aprile 1979 e nota per per essere la donna dei tormentoni italiani degli anni 2000/2010“.

Da qualche giorno, infatti, la Ferreri si è definitivamente laureata come la donna con maggior numero di settimane ai vertici della classifica di vendita FIMI superando il primato di Madonna. La cantante, nata in Sicilia ma cresciuta alle porte di Milano, vanta, infatti, ben 40 settimane alla numero #1 della chart dei brani più venduti nel nostro Paese.

Il tutto iniziò da quel post-XFactor che non la incoronò regina, relegandola al secondo posto alle spalle degli Aram Quartet nella prima edizione del 2008, ma la consacrò come autentico fenomeno da classifica lanciandola sul mercato con Non ti scordar mai di me nel maggio del 2008. Firma di Tiziano Ferro e Roberto Casalino, quasi 300.000 copie vendute e ben 12 settimane (di cui 11 consecutive) al numero 1 in classifica. Successo bissato con la successiva Novembre, autentico tormentone, sempre a firma di Roberto Casalino (che con lei conobbe il successo autorale), della stagione invernale di quello stesso 2008 con più di 100.000 copie vendute e altre 12 settimane al numero 1.

È poi Roma-Bangkok, firmata da Federica Abbate, Takagi & Ketra Rocco Hunt, a riscoprirla nel 2015 facendole guadagnare, insieme a Baby K, 9 dischi di platino con oltre 450.000 copie vendute, 11 settimane alla numero 1 della FIMI ed il primato come brano più acquistato in Italia dal 2009 ad oggi. La ricetta del tormentone estivo sembra, poi, portarle fortuna anche in questo 2018 dove con Amore e capoeira, insieme a Takagi & Ketra e Sean Kingston (che cofirmano con Federica Abbate il brano), ha già collezionato 100.000 copie e 5 settimane al numero 1 della classifica di vendita dei singoli. In mezzo, ovviamente, da citare sono i successi di Partiti adesso, tormentone del 2017 a firma di Tommaso Paradiso con oltre 50.000 copie vendute, e Volevo te, altro episodio autunnale da 100.000 copie con la firma di Fortunato Zampaglione.

Ma Giusy non è solo la “donna dei tormentoni”. O meglio, potrebbe e vorrebbe essere molto di più. Lo tentò dimostrare con i suoi coraggiosi dischi del 2011, Il mio universo, e soprattutto del 2014, L’attesa (di cui qui la nostra recensione). Anche l’ultimo Girotondo (qui la nostra recensione), datato 2017, ha portato la cantante a sperimentare strade lontane dall’effetto sole-cuore-amore dell’estate variegando la propria proposta, pur compiendo un netto passo di riavvicinamento all’universo del pop. Il pubblico, però, par voler continuare a vedere nella vocalità importante e unica della Ferreri il perfetto mezzo solo per il racconto delle estati d’amore, dei party in spiaggia o dei cocktail a bordo piscina non risconoscendone l’eguale valore nelle situazioni in cui si è destreggiata a raccontare l’amore sofferto (Ti porto a cena con me) o i tremendi effetti della droga (La bevanda ha un retrogusto amaro) adottando un registro lontano dall’elettronica, dagli incisi fischiettabili o dai temi delle brasiliane danzanti.

Ben vengano i tormentoni, le migliaia di copie vendute grazie alla leggerezza che l’estate inevitabilmente chiama a sè ma, forse, il pubblico dovrebbe capire che l’animo di un artista non sempre può sposare le esigenze del mercato più sempliciotto e mainstream. L’artista, in quanto tale, ha bisogno di esprimersi nella sua totalità e nella sua libertà espressiva si essa direzionata all’universo pop che a qualsiasi altro. E la voce di Giusy, negli ultimi anni, sempre più pare incarnare la vittima sacrificale di un sistema discografico poco avvezzo alla libertà o alla meritocrazia. Colpa della discografia, certo, ma anche del pubblico stesso che con difficoltà ha apprezzato i suoi tentativi “fuori dalla confort zone”. E’ proprio il caso di dire che, a volte, la cachaça da alla testa facendo perdere il lume della ragione…

Acquista su iTunes:

               

[amazon_link asins=’B00IPTGIAY,B004KLLIJ2,B01MZAJ8GU,B018HBKO9A,B009IJ16IY,B001JRB1CO,B009ILE210′ template=’ProductCarousel’ store=’recensiamomus-21′ marketplace=’IT’ link_id=’52e9b314-90c3-11e8-917f-53bae9dbe16d’]

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Di Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.