“Grazie dei fiori” perchè se son rose fioriranno anche a Sanremo 2019

Il tempo è agli sgoccioli e i giochi sono quasi chiusi

Nel 1951 Nilla Pizzi trionfava alla prima edizione del Festival di Sanremo con la sua celebre Grazie dei fiori dando il via alla gloriosa storia della kermesse canora ligure che, il prossimo febbraio, giungerà alla sua 69° edizione. Ma si sa, ogni anno a Sanremo c’è una storia a sé e per il 2019 i giochi sono particolarmente confusi: inizialmente sembravano esserci molte proposte ma poche canzoni davvero valide (qui), poi le canzoni sono state cercate e con qualche combinazione fortuita anche assegnate ai giusti interpreti riuscendo a stilare il famoso cast dei big. O quasi. Eh già, quasi. Quasi perchè, a quanto ci risulta con sufficiente sicurezza, Claudio Baglioni e la commissione artistica di Sanremo 2019 ha le idee non ancora pienamente chiare. Al momento, alla lista dei partecipanti alla kermesse sono iscritti in 16 e, per gli ultimi 6 posti (22 saranno gli artisti big in gara ai quali si affiancheranno 2 giovani), si sta ancora combattendo.

Andiamo a vedere, dunque, quali sono i nomi dei big in procinto a poter festeggiare usando, iconicamente, il linguaggio dei fiori per creare delle fasce di probabilità:

ALLORO = trionfo

Partiamo, dunque, dai 16 nomi che, salvo sorprese dell’ultimo minuto, saranno quasi certamente della partita. E partiamo, quasi fosse come un gioco del destino, dal più giovane e, contemporaneamente, dal più quotato per un’eventuale vittoria finale senza giudicare le canzoni: Ultimo. Il ragazzo ha ufficializzato una data allo Stadio Olimpico di Roma la prossima estate (qui i dettagli) il che presume una confermazione di un successo pazzesco raccolto negli ultimi 12 mesi. La canzone c’è.

Inversamente almeno 3 saranno le presenze “storiche” alla kermesse dal punto di vista dell’anagrafe. Loredana Bertè non può essere rifiutata e la canzone (Segreto) è già bella che pronta con la firma di Gaetano Curreri degli Stadio. C’è poi Dodi Battaglia che per la propria candidatura ha fatto leva, soprattutto, sulla firma di un grande cantautore italiano scomparso da qualche anno (come vi avevamo svelato ormai da settimane) che avrebbe vinto anche la reticenza di Baglioni ad avere un nuovo Pooh in gara. E c’è, infine, anche Nino d’Angelo che dato in coppia con mille altri compagni sembrerebbe davvero direzionato verso il nome di Liberato come soltanto noi siamo riusciti ad anticiparvi in tempi non sospetti. In quale veste si presenterà il misterioso cantautore partenopeo? Potrebbe anche non presentarsi affatto!

La quota preponderante, anche quest’anno, sarà occupata dai cantautori italiani di media generazione che annoverano tra le proprie fila i nomi, fortemente voluti dalla commissione, di Simone Cristicchi, che farà leva su di un nuovo tema sociale, e di Daniele Silvestri, giunto al traguardo dei 25 anni di carriera da festeggiare in grande stile nei palazzetti con un disco decisamente trascinante. Abbastanza sicuro anche il nome di Tricarico che a Baglioni ha proposto un pezzo da 90 che gli ha letteralmente spianato la strada. Tra le nuove leve, invece, il nome inaspettato è quello di Motta che proporrà presumibilmente un brano co-firmato con Pacifico come già ad agosto vi svelammo in anteprima.

Il 2019 sarà proprio l’anno di Caterina Caselli e della sua Sugar Music visto che oltre a Motta sul palco dell’Ariston saliranno sicuramente anche Arisa (che come vi avevamo anticipato non proporrà per la prima volta un brano firmato da Giuseppe Anastasi, suo storico autore, ma da Matteo Buzzanca, firma proprio di casa Sugar), in una veste completamente rivista.

Elodie 2018Il fronte dei giovanissimi viene occupato da Irama, vera e unica priorità di Warner Music che deve farsi perdonare un po’ di oscurantismo e che, tutto sommato, non ha altre pedine da muovere con sufficiente efficacia in questa stagione. A far da spalla al neo-vincitore di Amici ci saranno anche Elodie, che tornerà al pop più classico dopo le hit estive pur senza trascurare la sua nuova veste chic, ed Enrico Nigiotti, che ha battutto la concorrenza interna sia in Sony Music che nell’agenzia del proprio manager Francesco Facchinetti.

A chiudere il cerchio ci sarà Il Volo, altro nome che vi svelammo in totale anteprima nelle scorse settimane e che si proporrà con un brano firmato da Emilio Munda come da lui stesso confermato. Sul fronte donne spazio a Paola Turci, che si augura di poter colpire nuovamente come nel 2017 con un pezzo pop-rock da lei co-firmato, e Anna Tatangelo, che sicuramente si è proposta (anche in solitaria) con un brano scritto da Giuseppe Anastasi. Ad aggiudicarsi la quota rap, quanto mai complicata da assegnare, dovrebbe essere, infine, proprio Achille Lauro visto e considerato che di proposte (oltre alle solite riproposizioni mal gradite da Baglioni) non dovrebbero essercene davvero altre di convincenti. Da capire resta soltanto se alla fine delle trattative si sia optato per un brano da solista o per un probabile duetto.

AZALEA = speranza

A sperare in un posticino sono soprattutto donne, nemmeno a farlo apposta. Ci spera fino in fondo Chiara Galiazzo che al Festival l’ultima volta aveva realizzato un vero tonfo e che crede di poter risorgere soltanto ripartendo da lì grazie ad una nuova veste ultra-pop ed una produzione azzeccata di Katoo. Per lei un posto la Sony dovrebbe essere riuscita ad ottenerlo contrariamente a quanto si mormora di Federica Carta e Shade che Universal feat. Warner non sarebbero riuscite a condurre in porto per il secondo anno di fila.

Non è piaciuta la canzone di Bianca Atzei e Gianluca Grignani, già nel cassetto da parecchio, ma Suraci ed RTL 102.5 stanno spingendo come non mai per dare alla coppia un’opportunità accontentando due artisti al prezzo di uno. D’altronde i duetti a questo servono, che vi credete. La canzone di Patty Pravo è arrivata suscitando da subito interessa ma i dubbi rimangono tanti, troppi per parlare di certezze e, molto più probabilmente, non se ne farà nulla a meno che la diva veneta non abbia trovato la chiave giusta per proporsi in una veste nuova.

In sospeso rimangono anche Giusy Ferreri, che il pezzo giusto dovrebbe avercelo stavolta, Irene Grandi, invitata dalla commissione ma propostasi con una canzone non troppo efficacie, e Dolcenera, che da mesi ha lasciato il suo progetto in standby sperando proprio in Baglioni e nella sua affinità da musicista.

Tra le band il discorso è ancora tutto aperto tra Modà, che si sono proposti da subito ma che hanno faticato non poco a soddisfare le richieste musicali della commissione per nulla entusiasta dei loro brani, Ex-Otago, passati in minoranza visto che la quota indie è fortemente rappresentata, e i Negrita, che sono stati corteggiati fino all’ultimo e che non è dato sapere se abbiano ceduto o meno alle offerte. In dubbio anche le scelte riguardo a Raphael Gualazzi, altro nome di Sugar Music, e di Francesco Renga, che non ha convinto affatto Baglioni con uno dei suoi ultimi pezzi leggeri ed electropop tanto da indurre il direttore artistico a convocare Nek, anch’egli impegnato nella realizzazione del nuovo album. Il fatto è che il secondo, a quanto ne sappiamo, avrebbe rifiutato cortesemente l’invito.

LAVANDA = diffidenza

Se Nek ha rifiutato lo stesso non si può dire di Deborah Iurato Noemi entrambe accorse al canto del cigno per mano di Sony Music. La prima è figlia di già due bocciature e rischia di incorrere nella terza visto che la sua proposta anche questa volta non ha convinto proprio nessuno lasciandole come ultima possibilità l’insistenza di una casa discografica che in lei, in realtà, non ha mai creduto troppo. La seconda, invece, aveva in mente un rilancio per il decennale di carriera ma pare che le sia stato imposto un “niente repliche” da Baglioni.

Lorenzo FragolaIn casa Sony è stato costretto ad un tentativo anche Lorenzo Fragola che ha gareggiato fino all’ultimo grazie alla sua evoluzione indie che gli ha permesso di incuriosire non poco la commissione artistica. Alla fine, però, le scelte sono ricadute su altri a quanto pare. Nesli non ha il pezzo della vita e su di lui grava una certa indecisione discografica come anche su Carmen Ferreri proposta in mille salse dalle etichette senza trovare la sua giusta dimensione.

BOCCA DI LEONE = capriccio

I duetti al Festival, soprattutto negli ultimi anni, sono in notevole via di sviluppo e crescita vuoi perchè conviene a tutti (commissione, etichette ed artisti) o perchè c’è davvero un picco di spirito collaborativo tra gli artisti italiani di oggi giorno. Fatto sta che anche quest’anno, ne siamo certi, le collaborazioni abbonderanno rasentando, talvolta, il ridicolo e l’inaspettato. Prevederle risulta pressochè impossibile visto e considerato che a Baglioni e alle stesse etichette piace il gioco dell’incastro che, fino all’ultimo momento, consente continui scambi e nuove soluzioni aggregative. Staremo a vedere…

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Ilario Luisetto

Direttore di "Recensiamo Musica" e suo fondatore dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci che possano accompagnarmi.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.