L’artista ciociara e il rapper napoletano insieme nel singolo “Guapo“, disponibile dallo scorso 3 luglio

Inizialmente non avevo capito questo brano, mi ci è voluto del tempo per metabolizzarlo e comprenderne il suo reale valore. In tal senso, “Guapo” è tutto ciò che non ti aspetti sia dalla stagione estiva che dal percorso di Anna Tatangelo, ostinata nel voler portare avanti ciò che sente più in linea con il suo presente, seppur in passato i maggiori riscontri in termini numerici siano arrivati da un altro tipo di proposte musicali.

In un’epoca come questa in cui la zona di comfort è considerata una vera e propria isola felice, è apprezzabile il tentativo di un artista di reinventarsi, di rischiare seguendo la propria indole, ascoltando le proprie esigenze artistiche e personali. Il brano è impreziosito dalla presenza di Emanuele Palumbo, meglio conosciuto come Geolier, rapper classe ’00 che figura tra gli autori del pezzo assieme a Martina May, una delle nuove leve più interessanti dell’R’n’B italiano.

Prodotto da Davide Totaro, alias Dat Boi Dee (già al lavoro con Baby K, Enzo Dong, Livio Cori, Samurai Jay e Lele Blade), Guapo non strizza l’occhio alla stagione balneare, proprio per questo spicca per originalità in un oceano di proposte simili e prevedibili, così come convince l’utilizzo del napoletano, questa fusione bilingue che in passato ha decretato il successo internazionale di “Mambo italiano” e “Tu vuò fa l’americano”, evergreen che hanno letteralmente fatto il il giro del mondo.

Perché la musica partenopea non è soltanto melodica, ce lo dimostra ampiamente il genio visionario di Pino Daniele, a partire dal suo primissimo progetto di “Napoli Centrale”, fondendo il jazz, il blues e il rock, ma ce lo manifestano anche i giovani esponenti della scena rap campana, protagonisti di un vero e proprio genere che prende spunto da influenze esterofile contaminandole con le realtà del nostro mercato e del nostro territorio.

Una veste e una scelta in cui Anna Tatangelo risulta credibile fino al midollo, penso sia giusto apprezzare e supportare l’azzardo, quello stesso imprevisto che ha reso Achille Lauro ciò che è oggi e che con la stessa cantante ciociara ha mosso i primi passi nel mainstream. L’ex ragazza di periferia, oggi donna urban, ha sempre incarnato sia il concetto di tradizione che di innovazione, fungendo da perfetto anello di congiunzione tra due generazioni che non sembrano dialogare troppo, ma che hanno bisogno di confluire insieme verso un’unica direzione.

Acquista qui il brano |

Guapo | Video

Guapo | Testo

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
pecciò me chiamma sulo ‘e notte
dincelle a casa ca nun tuorne
‘o ssaje che a casa mia nun se dorme

Guapo, scusami se non ti richiamo
mi dici “ti amo” e non è il caso
non sei a livello, baby, è claro

Faccio sulo quatto passe
cu ‘na tipa china ‘e strass
traso pure senza pass, yeh
dint”a capa che te passa?
Allora overo sî pazza, yeh
mami sî bella ma ‘e vote
‘o ssaje buono c”a capa te schifo
‘0ssaje so’ nato c”a tuta
nun m’aggio maje miso ‘a cammisa

Pensa a te che
a me non manca niente
di quello che hai
m
i basto da sola e no
non è un cliché

una come me
tu non l’hai vista mai
vista mai

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
m’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
pecciò me chiamma sulo ‘e notte
pecciò me chiamma sulo ‘e notte
dincelle a casa ca nun tuorne
dincelle a casa ca nun tuorne
‘o ssaje che a casa mia nun se dorme
‘o ssaje che a casa mia nun se dorme

A casa tengo tutt”e cose
ma l’unica cosa ca nun tengo è
‘o Wi-Fi
Pecché se sape ca ‘e cose
cchiù belle ca putimmo fa’ se fanno offline

je sto vulanno ncopp”a ‘na Yamaha
tu staje luanno ‘n atu Yamamay
scusa si dico: “Metto ‘a capa apposto”
ma in fondo ‘o sapimmo nun succede maje, yeh

Se pensi di conoscermi
baby, sei fuori strada

non voglio diamanti
viaggi, né borse di Prada

se mi incontri in giro
e sono sul mio fuoristrada

Tu non mi guardare in faccia
figlio di
 yeh, nun me dicere: “pecché?”
viene cu mme, 
e ne fuje da me oppure cu mme
lievate ‘e tacche ca nun so pe’ te
vattenne ‘a casa ca nun simmo pe’ te
sî capitato c”o hijo de puta
aggiro ‘e penziere c’o ghiaccio e sambuca
fumma ‘n appoco ca adoppo se vede
si songo ‘nu scemo oppure ‘nu hijo de puta

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto,
m’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
pecciò me chiamma sulo ‘e notte
pecciò me chiamma sulo ‘e notte
rincell a casa ca nun tuorn
rincell a casa ca nun tuorn
ossaj che a casa mj nun s’ròrme
ossaj che a casa mj nun s’ròrme

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.