Isotta

A tu per tu con la giovane cantautrice toscana, in uscita con il suo album d’esordio intitolato “Romantic dark

Dopo averla conosciuta in occasione dell’uscita del singolo Io con il quale si è aggiudicata il Premio Bianca d’Aponte 2021, ritroviamo con piacere Isotta per parlare del suo primo progetto discografico “Romantic dark”, pubblicato da Women Female Label & Arts e distribuito da Artist First, disponibile a partire dallo scorso22 aprile.

Ciao Isotta, bentrovata. Partiamo da “Romantic dark”, cosa rappresenta per te questo tuo biglietto da visita discografico?

«Il processo creativo di “Romantic dark” è stato molto graduale, a volte mi è capitato di scrivere anche due canzoni insieme. L’obiettivo è stato quello di trovare determinati argomenti che, per ogni momento della mia vita, mi trasmettessero energia. Così è stato per tutte queste tracce».

Quali skills pensi di aver acquisito e maturato durante la lavorazione di questo disco? 

«Tante, a livello di discografia non ne sapevo assolutamente niente. Lavorare con professionisti mi ha aiutato a crescere anche professionalmente. Curo molto i testi, ho un’attenzione particolare per tutto ciò che fuoriesce dalla mia bocca».

L’ho trovato un album terapeutico, per questo sono curioso di chiederti in che termini reputi sia stato utile per te scrivere queste canzoni e cosa ti piacerebbe riuscire a trasmettere a chi si approccerà all’ascolto?

«Scrivere è per me utile perchè la considero una continua ricerca di me stessa. In questo tempo che cambia io cerco di trovare quegli elementi che non cambiano mai, attraverso la mia essenza. Ho provato a descrivere tutto questo, andando anche oltre le convenzioni, le abitudini, le illusioni e tutto ciò che in genere ci ovatta».

Per concludere, quali elementi e quali caratteristiche ti rendono orgogliosa e soddisfatta del risultato finale di questo album?

«Penso la sensibilità, quella che negli anni mi ha portato a diventare quella che sono e che non ho potuto fare a meno di inserire in questo disco. Sicuramente ho ancora molto da imparare e tanta voglia di farlo!».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.