In radio dal 18 gennaio il nuovo singolo del gruppo musicale milanese, tra presente e amarcord

Vent’anni di carriera e non sentirli, con questo spirito Le Vibrazioni tornato in rotazione radiofonica con “Cambia”, gran bel pezzo che rievoca le sonorità tipiche della band milanese. Una ballatona che mescola rock alla melodia, il tutto condito con l’inconfondibile vocalità del frontman Francesco Sarcina, sempre a suo agio in questo genere di crescendo musicale. Carico di pathos dalle strofe all’inciso, per poi esplodere nello special, tra i migliori mai realizzati dal gruppo di “Vieni da me”. Forti del successo riscosso lo scorso anno al Festival di Sanremo con “Così sbagliato” e dei successivi singoli Amore zen ePensami così, per i quattro amici musicisti è tempo di bilanci e di festeggiamenti, infatti, celebreranno il loro ventennale il prossimo 26 marzo con uno speciale concerto al Mediolanum Forum di Assago (MI).

Prodotto da 432 e distribuito da Artist First, Cambia rappresenta il giusto connubio tra lo scorrere del tempo e l’accettazione di un ritrovato equilibrio, nel testo si parla di un rapporto in crisi e di quanto sia difficile, a volte, non farsi influenzare da qualsivoglia fattore esterno (“promesse che non durano un minuto e tutti i calcoli inutili, sei tu che pensi di essere diversa ma è il mondo che cambia”). E allora si ripensa con nostalgia al passato, a quando c’era ancora la voglia di risolvere le cose, di confrontarsi e di non scappare rifugiandosi nella routine quotidiana.

Interessante la scelta del video ufficiale, in cui si ripercorrono i luoghi immortalati nella clip di “Dedicato a te”, storico singolo d’esordio de Le Vibrazioni, un gruppo che negli anni ha saputo crescere e maturare, anche allontanandosi per un periodo, una decisioni che ha permesso loro di tornare in pista con nuove cose da dire e brani di grande impatto emotivo. Perché è proprio vero che tutto cambia, ma il talento puro e autentico resta scalfito dallo scorrere del tempo.

Acquista qui il brano |

[amazon_link asins=’B07MVJK155′ template=’ProductCarousel’ store=’recensiamomus-21′ marketplace=’IT’ link_id=”]

Cambia | Video

Cambia | Testo

Se fosse facile dirti di restare qui
se fosse facile avere un minuto solo per convincerti
io non lo so, almeno adesso non avrei più paura
giorni interi a contarci i lividi
ma com’è bella Milano d’inverno
forse domani nevica
forse è meglio se restiamo a casa
poi sveglieremo la città
nell’alba fredda delle sei
e vivere è la sola cosa che ci viene bene
tutto il resto non conta
siamo in piedi un’altra volta

Cambia
due mani che si cercano nel buio
e il mondo cambia
promesse che non durano un minuto
e tutti i calcoli inutili
sei tu che pensi di essere diversa
ma è il mondo che cambia

Se fosse facile dire “io stasera non esco”
fosse facile stare in silenzio
e non spiegarti niente e raccontarsi
che va tutto bene e spegnere il telefono
riverniciare le pareti mentre tutto

Cambia
due mani che si cercano nel buio
e il mondo cambia
promesse che non durano un minuto
e tutti i calcoli inutili
la pioggia lava ancora i tuoi peccati
e il mondo cambia
rincorrersi per non restare
indietro un’altra volta
e tutto quello che vorresti
adesso non è mai abbastanza
sei tu che pensi di essere diversa
ma è il mondo che cambia

C’erano quei giorni e tutti i nostri film
il mare piatto nelle polaroid
c’era la voglia di risolvere le cose
come se il mondo fosse cenere che cade
dalle tue sigarette fumate sul balcone
quando la guerra inizia per un posto che non hai
e tutte le parole, parole da evitare
sorrisi da affittare per nascondere chi sei

Cambia
due mani che si cercano nel buio
e il mondo cambia
promesse che non durano un minuto
e tutti i calcoli inutili
la pioggia lava ancora i tuoi peccati
e il mondo cambia
rincorrersi per non restare indietro un’altra volta
e tutto quello che vorresti adesso non è mai abbastanza
sei tu che pensi di essere diversa
ma è il mondo che cambia
sì, cambia
cambia
è il mondo che cambia

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.