Album Amarcord Io tu noi tutti Lucio Battisti

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Dopo aver celebrato i cinquant’anni dell’omonimo disco d’esordio, i quarant’anni di Una giornata uggiosa, i trent’anni de La sposa occidentale” e i venticinque di Hegel, torniamo a parlare di un altro capolavoro discografico di Lucio Battisti, vale a dire “Io tu noi tutti”, il suo undicesimo album in studio rilasciato nel marzo del 1977 dalla storica etichetta Numero Uno.

Questo lavoro, traghettato dai singoli di successo “Amarsi un po” e “Sì, viaggiare”, è rimasto ai vertici delle classifiche per quattordici settimane consecutive, diventando il secondo disco più venduto dell’anno, alle spalle di “Burattino senza fili” di Edoardo Bennato, superando i lavori di Angelo Branduardi, Claudio Baglioni, Mina, i Pooh e Roberto Vecchioni.

Si tratta del terzultimo album della coppia Mogol-Battisti, un disco di passaggio che riflette delle varie correnti dell’epoca (dal rock progressivo alla disco-music), ma senza snaturare la cifra stilistica che ha contraddistinto i precedenti lavori. Il risultato è un disco concreto che cerca nuove soluzioni e nuovi linguaggi, attraverso una ricerca sempre attenta orientata verso il concetto di pop internazionale.

Reduce dal buon riscontro ottenuto con “Anima latina”, Lucio Battisti si conferma un musicista estroso e pieno di inventiva. La ritmica è il massimo comune divisore di “Io tu noi tutti”, la melodia viene sporcata da sonorità funky grazie ad utilizzo mirato e sperimentale delle chitarre. Ancora una volta nulla è lasciato a caso, le parole e le note fanno da tappeto ad una vasta prateria di emozioni.

Acquista qui l’album |

Io tu noi tutti | Tracklist e stelline

  1. Amarsi un po’ ★★★★★
    (Mogol, Lucio Battisti)
  2. L’interprete di un film ★★★★☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
  3. Soli ★★★★☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
  4. Ami ancora Elisa ★★★☆☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
  5. Sì, viaggiare ★★★★★
    (Mogol, Lucio Battisti)
  6. Questione di cellule ★★★★☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
  7. Ho un anno di più ★★★☆☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
  8. Neanche un minuto di “non amore” ★★★★☆
    (Mogol, Lucio Battisti)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.