“Andalusia”, i Negrita fanno centro senza snaturarsi – RECENSIONE

Reduce dalla partecipazione al Festival di Sanremo, il gruppo musicale toscano lancia “Andalusia

Tempo di nuova musica per Paolo “Pau” Bruni, Enrico “Drigo” Salvi e Cesare “Mac” Petricich, alias i Negrita, band che ha da poco celebrato le proprie nozze d’argento con la musica pubblicando la raccolta “I ragazzi stanno bene 1994-2009”, un doppio cd contenente ben trentadue brani storici rimasterizzati più tre inediti, tra cui spicca il pezzo presentato all’ultimo Festival di Sanremo, intitolato I ragazzi stanno bene, la ballad “Adesso basta” e Andalusia, singolo estratto per questa stagione estiva. Il brano, in rotazione radiofonica dallo scorso 31 maggio, incarna al 100% la poetica del gruppo, ricordando in modo particolare alcune delle loro maggiori hit piazzate d’estate, da “Rotolando verso sud” a “Radio Conga”, passando per “Gioia infinita”.

Impreziosita dalla collaborazione con i Django Bros, “Andalusia” è una canzone fresca e spensierata, dal profumo di salsedine e dal sapore di evasione, libertà e leggerezza. Tra i tanti poteri evocativi da attribuire alla musica, c’è quello di darti la possibilità di viaggiare, partire senza una meta, lasciarti alle spalle la noia e le difficoltà della vita quotidiana per trovare rifugio altrove. Un plauso ai Negrita che, ancora una volta, sono riusciti nell’intento di colpire nel segno senza snaturarsi.

Acquista qui il brano |

Andalusia | Video

Andalusia | Testo

E sono qui a cercare un nesso
tra Paco De Lucia, Seneca e Picasso
in questo caldo che ci soffoca
e che se guardi bene vedi l’Africa
e tu lo sai, questa è casa mia
tra un passo di fandango e una bulerìa
blu cobalto e rosso sangre
e dune di sabbia dentro le mutande
una gitana mi legge la mano
mentre affogo in un tinto de verano
vento, fuoco e contraddizioni
‘che di lavoro io scrivo canzoni

Come se fossi un artista
con le palle di un precario
e l’hangover di una festa
voglio tutto e non mi basta
voglio un camion di coraggio
e una vita di vantaggio sul mondo

Nero fumo e luna araba
sulla via da Tarifa verso Malaga
sotto questa luna che ci illumina
e che se guardi bene vedi l’anima
e tutto questo è già magia
nel mezzo di Triana c’è una teteria
mentre il cielo è un ricamo di stelle
penso a Colombo e alle sue caravelle
volando vengo, volando voy
tra quello che ho avuto e quello che vorrei
ma amore mio, siamo liberi
io e te in questa notte da brividi

Come se fossi un artista
con le palle di un precario
e l’hangover di una festa
io voglio tutto e non mi basta
voglio un camion di coraggio
e una vita di vantaggio sul mondo

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.