L’analisi sul nuovo inedito presentato in concorso alla 69esima edizione del Festival di Sanremo

Quale miglior luogo per celebrare venticinque anni di carriera se non il palco del Teatro Ariston? Ambito ma al tempo stesso temuto, banco di prova e location ideale per festeggiare le nozze d’oro con la musica dei Negrita, gruppo musicale composto dal frontman Paolo “Pau” Bruni e dai chitarristi Enrico “Drigo” Salvi e Cesare “Mac” Petricich. “I ragazzi stanno bene” è il titolo composto dagli stessi membri della band e da Il Cile, prodotto da Fabrizio Barbacci e posizionatosi al ventesimo posto della classifica finale di Sanremo 2019.

Il rifiuto delle regole imposte dall’odierna umanità è il tema centrale del testo, dal quale ci si può svincolare con un po’ di karma o di sana fortitudine. Un’analisi sociale sull’attuale “mondo dei confini e passaporti, dei fantasmi sulle barche e di barche senza un porto”, in cui ci si sente sempre più confusi e soli, fino ad esplodere nel corale e liberatorio “non mi va” dell’inciso.

Le atmosfere sonore ricordano le migliori produzioni dei Negrita, tra tutte l’album Reset che proprio quest’anno celebra vent’anni dalla sua uscita. Un sound riconoscibile, che è diventato un vero e proprio marchio di fabbrica. “I ragazzi stanno bene” è una piacevole dichiarazione di intenti, da parte di chi non si arrende e non si piega a qualsivoglia tipo di imposizione, la rivoluzione interiore di chi và dritto per la propria strada senza timori o rimpianti.

Una canzone-manifesto nel complesso azzeccata, giusta e rappresentativa di un percorso lungo un quarto di secolo. I Negrita tornano al Festival a sedici anni dalla loro unica e poco fortunata partecipazione del 2003 con “Tonight”, lo fanno in modo riconoscibile, consapevole e decisamente più maturo rispetto al passato. Il loro è un grido denso di positività, fatto di resilienza e della voglia di non rendere vano alcun istante della nostra esistenza, perché “la vita è una poesia di storie uniche”.

Acquista qui il brano |

[amazon_link asins=’B07NDSLQGJ’ template=’ProductCarousel’ store=’recensiamomus-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6dfb467a-193f-4009-b6cc-a2920dbd63b4′]

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...
Un pensiero su ““I ragazzi stanno bene”, il bilancio musicale dei Negrita – RECENSIONE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.