Nesli e il valore autobiografico de “Le cose belle” – RECENSIONE

Disponibile dall’8 marzo il nuovo singolo del cantautore, primo estratto da “Vengo in pace”

Tempo di nuova musica per Francesco Tarducci, alias Nesli, tra i nostri più ispirati e visionari cantastorie, capace di mescolare i sentimenti in maniera cruda e disincantata. Le cose belle è il titolo del singolo scelto per traghettare l’uscita del suo decimo album in studio Vengo in pace, che arriva a tre anni di distanza dal precedente “Kill Karma”, un disco che chiude di fatto la trilogia iniziata nel 2015 con il primo capitolo della saga, intitolato “Andrà tutto bene”. Un percorso introspettivo e rassicurante che descrive appieno la poetica dell’artista, non nuovo a questo tipo di narrazione in grado di toccare le corde sensibili dell’animo umano.

“Le cose belle” è una dichiarazione di intenti, un manifesto autobiografico di quelle che sono le delusioni e le lezioni impartite dalla vita, il segreto sta nel riuscire a trovare la giusta motivazione per andare avanti e non smettere mai di lottare, senza aver paura di ciò che non conosciamo. “Amica mia anche se quando nel cielo non vedi le stelle, ti prego non fare l’errore che ho fatto io, dimenticare l’amore per le cose belle”, questo l’inciso di un pezzo ipnotico e speranzoso.

In quest’epoca confusa e altalenante, si avverte il bisogno di riscoprire un po’ di sano valore terapeutico anche attraverso il potere immaginifico sprigionato dalle canzoni, perché la musica è un posto sicuro dove rifugiarsi durante il temporale, il focolare nel quale siamo cresciuti, il posto che non potremmo mai stancarci di visitare. In questo pezzo sentito e vissuto, si respirano la stessa cifra stilistica de “La fine” e l’atmosfera positiva di “Solamente un incubo”, due delle produzioni più riuscite del cantautore marchigiano.

Da sempre, la scrittura innovativa e carica di intenzioni rappresenta il marchio di fabbrica di Nesli, fatto di parole equilibrate e consigli che generano spunti di riflessione, suggestioni e ricordi. Quante volte ci siamo persi, altrettante ci siamo ritrovati, forgiati dall’esperienza e da errori che difficilmente commetteremo ancora. O forse sì. In qualsiasi momento di confusione, c’è solo una cosa che dobbiamo cercare di tenere bene a mente, un principio fondamentale da non dimenticare: ricordarci di tenere sempre gli occhi bene aperti per riuscire ad osservare, riconoscere ed apprezzare davvero le cose belle.

Acquista qui il brano |

Le cose belle | Audio

Le cose belle | Testo

Ricorda il tempo
ricorda com’era prima
di tutta questa malattia degenerativa
ricorda di chiudere la porta
e controllarla sette volte
se questo ti sembra follia
la follia è farlo ogni notte
ricorda di non ricordare
come la tua mente vuole
perché ti confonde la vita reale
dove non sai stare da solo
ma continui a restare da solo in un mondo
che ti vive accanto
con le voci che ti senti dentro

Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle
amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle

Ricorda non chiudere gli occhi
se arriva qualcosa di bello
la paura ti guarda e ti blocchi
non vuole che tu prenda il meglio
ricorda ogni volta che tremi
ricorda non la conoscevi e ritorna
a non avere problemi come fanno i bambini
prima di essere grandi e cambiare con gli anni
e cambiare per sempre in mezzo a mille casini
ricorda non stare da solo
il giorno del tuo compleanno ad agosto
ho smesso di credere poi
poi tanto non posso

Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle
Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle

Perché le cose belle sono le cose belle
la mano di una bimba piena di caramelle
le stelle a San Lorenzo quando ti penso
e mi ritrovo in questo mondo perso
perché le cose belle restano belle e basta
anche se non le vedi anche se tutto passa
perché le cose belle restano belle sempre

Prima di essere grandi
e cambiare con gli anni
e cambiare per sempre
in mezzo a mille casini

Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle
Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle

Amica mia
anche se quando nel cielo non vedi le stelle
ti prego non fare l’errore che ho fatto io
dimenticare l’amore per le cose belle
dimenticarle

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Un pensiero riguardo “Nesli e il valore autobiografico de “Le cose belle” – RECENSIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.