Oni One Drift

A tu per tu con il giovane rapper romano, in uscita con il suo nuovo singolo intitolato “Drift”

A pochi mesi dalla nostra precedente intervista, ritroviamo Ethan Dante, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Oni One, per parlare del suo nuovo singolo “Drift”, disponibile a partire dallo scorso 12 novembre. Approfondiamo la sua conoscenza.

Ciao Ethan, bentrovato. Partiamo dal tuo singolo d’esordio “Drift”, cosa racconta?

«Racconta la realtà della strada, in maniera anche abbastanza esplicita, e cosa non va fatto: tradire». 

C’è un verso che, secondo te, rappresenta e sintetizza al meglio l’intero senso del brano?

“La strada mi ama, io sono completo. Non parlo, non vedo, non sento”».

Oni One Drift

Un pezzo prodotto da DaGlock e impreziosito dalla partecipazione di Tony Effe, come ti sei trovato con loro? 

«DaGlock è mio fratello e il mio produttore, con lui ho un rapporto di stima e fiducia che non potrei avere con nessun altro. Penso sia uno dei producer più talentuosi del momento, ha solo 17 anni ma ha già uno stile ben definito che insieme al mio rende il pezzo ancora più esplosivo. Tony è un amico, apprezza molto la mia musica e per questo ha scelto di collaborare al videoclip. Mi ha fatto molto piacere». 

“Drift” arriva a pochi mesi dall’uscita del tuo disco d’esordio “Grizzly”, cosa aggiunge al tuo percorso?

«Ora si apre un nuovo capitolo, questo è solo l’inizio. Sto arrivando!». 

Cosa aggiungono alla narrazione le immagini del videoclip diretto da Tahir Hussain?

«Tahir Hussain è un visionario, nonché un caro amico e un collaboratore. Lavoro insieme a lui dal primo videoclip, siamo cresciuti artisticamente ogni giorno di più e si sa: squadra che vince non si cambia».

Che ruolo gioca la musica nel tuo quotidiano?

«È il mio sfogo, il mio lavoro, la mia unica cara amica che sa capirmi al 100%. É necessaria e mi fa sentire vivo e libero». 

A livello di ascolti, tendi a cibarti di un genere musicale preciso oppure ti reputi abbastanza onnivoro?

«Ascolto di tutto, ovviamente prediligo il rap e la musica urban».

Dopo aver collaborato con Pyrex, FSK, Boro Boro e Tony Effe, hai un feat. dei sogni?

«Sono soddisfatto delle collaborazioni che ho fatto ma ne farò sicuramente di nuove. Ci sono dei sassolini che vorrei togliermi ma li tengo per me, se dovessi parlare del mio “featuring dei sogni” ti direi Anuel AA al momento». 

Per concludere, qual è l’insegnamento più importante che pensi di aver appreso dalla musica fino ad oggi?

«Fa ciò che vuoi e non pensare a quello che vogliono gli altri».

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.