Pierpaolo Pretelli L'estate più calda

A tu per tu con il giovane cantante lucano, in uscita con il suo nuovo singolo intitolato “L’estate più calda

Ha realizzato un vero e proprio sogno Pierpaolo Pretelli, in uscita con il singolo L’estate più calda. Dalle esperienze televisive di “Striscia la notizia” e del “Grande Fratello Vip” alle playlist e alle classifiche musicali nazionali il passo è stato breve, ma meritato. Il brano, disponibile in rotazione radiofonico dallo scorso 18 giugno, è stato scritto insieme a Shade, prodotto da Jaro e cantato in coppia con Giorgina.

Ciao Pierpaolo, benvenuto. Ti conosciamo come volto familiare del piccolo schermo, ma come è nata la tua passione per la musica?

«La mia passione per la musica nasce fin da piccolo, fino all’età di undici anni ho preso lezioni di pianoforte e di canto. Da bambino mi esibivo nella piazzetta del mio paese e nelle varie manifestazioni locali, una volta cantai persino “Margherita” di Riccardo Cocciante. Crescendo è una passione che ho sempre coltivato, così come quella di scrivere con le rime, un aspetto che mi piacerebbe approfondire ulteriormente e mettere ancora di più in pratica». 

L’estate più calda” è il titolo del tuo nuovo singolo, cantato a due voci con Giorgina, scritto a quattro mani con Shade e prodotto da Jaro. Come è nato questo pezzo?

«Con Shade e Jaro abbiamo messo in piedi questo progetto poco dopo uscito dalla casa del GF, avevo già una mezza idea in testa, ma insieme a loro ho sviluppato l’intero pezzo. Vito è un ragazzo umile, nonostante le hit è rimasto molto genuino. Lui scrive benissimo, basta ascoltare i suoi freestyle. Tutto è nato per puro caso, ci siamo conosciuti durante un ritiro della Nazionale Cantanti, abbiamo subito legato. Sono concento e felice di quello che siamo riusciti a mettere in piedi». 

Pierpaolo Pretelli L'estate più calda

Ci sono degli artisti con cui ti piacerebbe collaborare in futuro? 

«Tra gli italiani stimo molto Fred De Palma, in futuro mi piacerebbe realizzare un duetto con Ana Mena, chissà, magari per la prossima estate!». 

Per concludere, quali elementi e quali caratteristiche ti rendono orgoglioso de “L’estate più calda”?

«Essere riuscito a fare, dopo tanti sacrifici, le cose in grande. Sai, vengo da un paesino di 5.000 abitanti, da una realtà molto piccola, tutto quello che mi sta accadendo oggi era impensabile fino a poco tempo fa. Sono felice delle cose che mi stanno accadendo, finalmente ho avuto la possibilità di realizzare un sogno. Piano piano, sicuramente in punta di piedi, mi piacerebbe continuare ad entrare a far parte del mondo della musica». 

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

By Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.