Raf, trent’anni di “Cosa resterà…”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Ci sono opere musicali che segnano epoche, altre che chiudono interi decenni, è proprio il caso di “Cosa resterà…”, terzo progetto discografico di Raffaele Riefoli, meglio conosciuto come Raf. Reduce dall’incredibile successo planetario di “Self control” del 1984 e dal poco convincente debutto in italiano con “Svegliarsi un anno fa” del 1988, il cantautore pugliese raggiunge la sua forma migliore al terzo tentativo, grazie alla sua seconda partecipazione sanremese con “Cosa resterà degli anni ’80”, primo singolo che si classifica soltanto al quindicesimo posto, ma che diventa ben presto un inno generazionale dettagliato e rappresentativo di un tempo che non sarebbe più tornato.

Pubblicato il 7 febbraio 1989, l’album viene trainato anche dal secondo estratto, la celebre “Ti pretendo”, canzone che si aggiudica la vittoria della 23esima edizione del Festivalbar, battendo la concorrenza di hit radiofoniche del calibro di “Viva la mamma” di Edoardo Bennato, “La mia moto” di Jovanotti, “Diavolo in me” di Zucchero e della famigerata “Lambada” dei Kaoma.

Sonorità decisamente anni ’80, per un disco suddiviso in due parti: la prima dal forte respiro internazionale, la seconda da atmosfere tipicamente made in Italy, trascinanti e melodiche. Ne rappresentano un ottimo esempio “Santi nel viavai” e “E gli altri dormono”, due ottimi prototipi di canzoni d’autore-pop, cucite su misura per l’intensa vocalità dell’artista. Meno brillante il terzo singolo “La battaglia del sesso”, ironico ma non incisivo, un discorso che possiamo adattare anche per “Do I need your love” e “Fai“, il pezzo meno riuscito del disco. Conclude l’ascolto una personale versione di “E sia così”, brano proposto al Festival di Sanremo dello stesso anno dall’ispirato Aleandro Baldi.

In sintesi, “Cosa resterà…” è un disco che chiude un cerchio e fotografa un’epoca, permettendo a Raf di iniziare un nuovo ciclo che lo vedrà assoluto protagonista del decennio successivo, con album di notevole impatto come “Sogni… è tutto quello che c’è”, “Cannibali”, “Manifesto” e “La prova”, lavori ancora oggi attuali e, per certi versi, parecchio sperimentali. Tutto merito di questi incompresi, mal interpretati, scapestrati, confusi, maledetti, bucati e distratti anni ’80.

Cosa resterà… | Tracklist e stelline

  1. Ti pretendo
    (Gianni Albini, Giancarlo Bigazzi, Raf) 
  2. Santi nel viavai
    (Giuseppe Dati, Raf)
  3. La battaglia del sesso 
    (Giuseppe Dati, Raf)
  4. E gli altri dormono
    (Giancarlo Bigazzi, Raf, Gianni Albini)
  5. Cosa resterà degli anni ’80
    (Giancarlo Bigazzi, Giuseppe Dati, Raf)
  6. Do I need your love
    (Giuseppe Dati, Giancarlo Bigazzi, Raf)
  7. Fai
    (Gianni Albini, Giuseppe Dati, Tiberio Balatresi)
  8. E sia così
    (Aleandro Baldi, Gianni Albini)

Cosa resterà | Acquista

[amazon_link asins=’B00000IHNT’ template=’ProductCarousel’ store=’recensiamomus-21′ marketplace=’IT’ link_id=”]

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.