Risponde Recensiamo Emergenti

La nostra rubrica dedicata agli emergenti che ci scrivono

Nel nostro appuntamento settimanale dedicato alla nuova musica italiana con Risponde Recensiamo diamo spazio a tutte le proposte che ogni settimana ci arrivano dagli artisti emergenti nostrani. Con il supporto della piattaforma internazionale di ‘Groover’ diamo modo ogni settimana ai giovani talenti che ci scrivono di ricevere un nostro feedback, di poterci contattare direttamente e di veder pubblicati nei nostri canali i loro brani (qui trovate spiegato esattamente come funziona).

Se anche tu vuoi proporci il tuo progetto e vuoi che sia pubblicato su ‘Risponde Recensiamo’ l’unico modo per farlo è cliccare sul banner qui sotto, inviarci il brano ed attendere, entro 7 giorni, il nostro feedback e la pubblicazione:

BATTISTA PASSIATORE – Devi vivere: Una canzone classica che beneficia di una vocalità pulita e lineare e di un testo positivo verso l’apprezzamento del dono infinito della vita. L’impressione, però, è che non si sia ancora scelta quale direzione intraprendere e si rimanga con un piede in due scarpe: da un lato si potrebbe pensare di spingere sulla potenza vocale, dall’altro, invece, c’è la possibilità di rendere tutto più “fresco” per rispondere al pop d’oggi. Una volta fatta la scelta occorrerà intervenire anche sulla produzione che, come la vocalità, non è così a fuoco. Il brano c’è ma bisogna direzionarlo.

LUCA BONIFACCIO – Fuori è diverso: Un pop incalzante che si distende per un inciso melodico ma che poi gioca con le parole e con assoli strumentali risultando vario e sufficientemente complesso nella propria scrittura armonica. La voce è profonda e gode di colori interessanti che si potrebbe esplorare ancor di più con un brano più vario dal punto di vista della dinamica vocale.

LUCA V – 80 voglia: Scrittura complessa per un brano che ha tanti spunti al proprio interno e cerca di dar lo giusto spazio ad ognuno di essi. C’è un suono tipicamente anni ’80 ed una voce che non sceglie mai di adagiarsi su di un canto melodico ma che, piuttosto, opta per un incedere quasi parlato che ben si coniuga all’atmosfera dance dell’inciso. Un pezzo particolarmente calato nel proprio presente e, contemporaneamente, anche nel passato.

OB∀ – Freeze my Fears:Un buon esempio della musica contemporanea e delle sue declinazioni che riescono ad unire un linguaggio pop-olare a delle sfumature elettroniche ed urbane nei suoni scelti per costruire l’arrangiamento strumentale. La voce ha tutte le carte in regola per concedersi un cantato non troppo lineare ma, invece, provare a mettere in scena dei sali e scendi che ne impreziosiscono la resa. L’intro più lunga del dovuto crea la giusta atmosfera ma, contemporaneamente, indebolisce le possibilità radiofoniche di un brano che, poi, non esplode mai del tutto malgrado ne abbia le possibilità.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.