Risponde Recensiamo Emergenti

La nostra rubrica dedicata agli emergenti che ci scrivono

Nel nostro appuntamento settimanale dedicato alla nuova musica italiana con Risponde Recensiamo diamo spazio a tutte le proposte che ogni settimana ci arrivano dagli artisti emergenti nostrani. Con il supporto della piattaforma internazionale di ‘Groover’ diamo modo ogni settimana ai giovani talenti che ci scrivono di ricevere un nostro feedback, di poterci contattare direttamente e di veder pubblicati nei nostri canali i loro brani (qui trovate spiegato esattamente come funziona).

Se anche tu vuoi proporci il tuo progetto e vuoi che sia pubblicato su ‘Risponde Recensiamo’ l’unico modo per farlo è cliccare sul banner qui sotto, inviarci il brano ed attendere, entro 7 giorni, il nostro feedback e la pubblicazione:

E.G. PALERMO – Lyra, Dear: Un brano ricchissimo di sfumature e contaminazioni capace di unire ingredienti folk ai sintetizzatori elettronici della base e ad un cantato sfumato, distorto e corale che rimane, comunque, sullo sfondo suggerendo l’idea che, per una volta, non sia la voce l’elemento centrale della forma-canzone ma che, piuttosto, sia uno dei tanti strumenti utilizzati per rendere al meglio la resa sonora.

NOTE D’IDENTITA’ – Il mio canto libero: Toccare Battisti è sempre impresa ardua e complicata perchè in sè ha quella poesia mistica difficile da ricreare. In questo caso ci provano 17 giovani musicisti italo-canadesi utilizzando questo brano come occasione per riscoprire le radici della cultura italiana nel mondo. In questo contesto una scelta ostica come questa arriva, dunque, ad essere rivalutata ed apprezzata proprio perchè mira a riscoprire e far apprezzare anche dai più giovani quei brani che hanno fatto grande la storia della musica italiana.

SABRINA DE MITRI – Les Scoubiques: Un brano psichedelico che gioca tra l’elettronica ed il jazz riscrivendo, da un punto vista totalmente differente, anche quelle sfumature urbane che oggi invadono letteralmente i suoni del pop più mainstream. Ne esce un entusiasmante prova musicale che ribadisce quanto sia bello creare con la musica, contaminare i mondi e andare alla ricerca di nuove ricette.

TAURO IOVINO – Di azzurro e cielo: Siamo di fronte ad una forma canzone che fa dell’ironia e di una scrittura bizzarra le proprie colonne portanti anche al costo di scoprirsi distante da quanto maggiormente funziona nei circuiti mainstream che sempre più richiedono semplificazioni comunicative. La narrazione porta con sè il proprio messaggio e per questo merita di essere seguita dall’inizio alla fine. L’apprezzamento, poi, per il brano in sè o per la pasta vocale dipenderà dal gusto soggettivo ma non si può negare che dietro ad un pezzo simile ci sia un pensiero.

The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Commenta qui...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.