Alessandra Amoroso

Recensione del singolo del ritorno discografico della cantante salentina

C’è profumo di primavera e “Sorriso grande” lo rappresenta in pieno. In una sola settimana Alessandra Amoroso ha regalato al suo pubblico “Piuma” e “Sorriso grande“. Come la cantante stessa ha dichiarato “questi due brani sono legati, uno è in funzione di un altro perché rappresentano il percorso emotivo che in un anno si è evoluto“. Dall’emotività alla voglia di sorridere, questo brano è l’ esempio ideale che riassume questo momento storico.

Il brano |

La strofa racconta di un momento di riflessione: è il momento in cui ti rendi conti che “la vita è un attimo“. E allora lasciamo ogni cosa al proprio posto, è solo il momento di un sorriso grande, e tutto si colora. Davide Petrella come autore e Dario Faini alla produzione artistica hanno realizzato un lavoro fatto bene, senza nessun volo pindarico ma coerente con tutto quello che ci si aspettava da questo ritorno discografico. “Sorriso grande” è la voce di Alessandra Amoroso ma soprattutto è il suo sorriso e la sua capacità di trasformare l’atmosfera rendendo tutto più felice. O un po’ meno triste.

Il ritmo è incalzante, riprendendo spunto dalla stessa struttura di brani come “Comunque andare“. Una prima parte che viene spazzata via da un ritornello up, quasi dance, ma totalmente pop ed estremamente radiofonico. Un mix musicale che, assieme alla voce di Alessandra, riesce a sortire esattamente quello che fa: portare buon umore ed un sorriso grande, per l’appunto.

Una menzione speciale va allo special del brano, che musicalmente alza il buon umore di chi ascolta. Le domande a questo punto potrebbero essere tante: come andrà in radio? piacerà? riuscirà a replicare i successi precedenti?

La risposta a tutte le domande è semplice ed è che non ce ne frega niente. Non sono questi i tempi in cui pensare a cosa è giusto e a cosa è sbagliato in relazione alle logiche matematiche o finanziarie. Questo è il momento di quella Alessandra Amoroso che sa mettere d’accordo tutti. Se ci piace o no poco importa: è il messaggio di gioia e di serenità che traspare dal suo sorriso che trasforma ogni cosa.

Acquista qui il brano |

Sorriso grande |  Testo

Stare lontano non è facile
Però è più facile di allontanarsi
Sulle finestre ci lanciamo I sassi
Come bambini che han bisogno di chiamarsi
E allora sì, io non ho smesso mai di ridere
Perché non voglio abbandonarmi
Anche se il vento soffia forte sulla faccia
Io tengo sempre un sogno nella tasca
Guardo la strada che portava da te
Finiva dentro ai tuoi occhi
Certe cose rimangono
Un altro viaggio, un’altra stanza di hotel
Lo sto imparando da me
Che questa vita qui è un attimo

E in un attimo è sparita
Tutta la paura, tutta la fatica
Mi sento innamorata di questa vita
E resto in strada a cantare
Mare, mare e pensavo che
Non voglio altro che un sorriso grande
Non voglio altro che un sorriso grande
Anche se piangerai lo sai che
Dopo la notte c’è un sorriso grande

E allora sì
Io non mi stanco mai di ridere
Anche se non lo fanno gli altri
Che se l’amore è un grande e misterioso abbraccio
Mi tengo stretta tutto il mio entusiasmo
Prendo la strada che portava da te
Finisce dentro ai tuoi occhi
Certe cose rimangono
Un altro viaggio un’altra stanza di hotel
Lo sto imparando da me
Che questa vita poi è un attimo

E in un attimo è sparita
Tutta la paura, tutta la fatica
Mi sento innamorata di questa vita
E resto in strada a cantare
Mare, mare e pensavo che
Non voglio altro che un sorriso grande
Non voglio altro che un sorriso grande
Anche se piangerai lo sai che
Dopo la notte c’è un sorriso grande

Fuori c’è il sole
Oggi no, oggi no, oggi non si muore d’amore
Me lo ripeto da un po’
Fuori c’è il sole
Oggi no, oggi no, oggi non si muore d’amore
Me lo ripeto da un po’

E in un attimo è sparita
Tutta la paura, tutta la fatica
Mi sento innamorata di questa vita
E resto in strada a cantare
Mare, mare e pensavo che
Non voglio altro che un sorriso grande
Non voglio altro che un sorriso grande
Anche se piangerai lo sai che
Dopo la notte c’è un sorriso grande

Fuori c’è il sole
Oggi no, oggi no, oggi non si muore d’amore

The following two tabs change content below.

Alberto Guarrasi

Sono stato educato alla musica classica come unica strada. Crescendo ho scoperto incroci, rotatorie e segnali stradali e ho deciso di scoprire tutte le alternative. Nella musica ho fatto un po’ di tutto: violinista classico, cantante e performer di teatro, cantautore, direttore artistico e insegnante di canto e cultura musicale, mi è servito a sviluppare un occhio critico nei confronti di ciò che ascolto in Radio e guardo in Tv. Sapevo già scrivere ma fare animazione mi ha insegnato a parlare senza troppi freni. È sempre meglio camminare a piedi, serve meglio ad osservare tutti i dettagli dei paesaggi che si incontrano.

By Alberto Guarrasi

Sono stato educato alla musica classica come unica strada. Crescendo ho scoperto incroci, rotatorie e segnali stradali e ho deciso di scoprire tutte le alternative. Nella musica ho fatto un po’ di tutto: violinista classico, cantante e performer di teatro, cantautore, direttore artistico e insegnante di canto e cultura musicale, mi è servito a sviluppare un occhio critico nei confronti di ciò che ascolto in Radio e guardo in Tv. Sapevo già scrivere ma fare animazione mi ha insegnato a parlare senza troppi freni. È sempre meglio camminare a piedi, serve meglio ad osservare tutti i dettagli dei paesaggi che si incontrano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.