Top&Flop

Tutti i top ed i flop musicali dell’ultima settimana musicale

I TOP:
  • La vita splendida – Tiziano Ferro: il ritorno del cantautore di Latina è sulle note di una canzone che non ti aspetti per il semplice fatto che, almeno ad un primo ascolto, il pezzo non si presenta esattamente come una hit radiofonica dal facile acchiappo. La scrittura di Brunori Sas si avverte in maniera chiara ma Tiziano riesce a farla propria tirando fuori quella profondità timbrica unica che da sempre ne colora gli episodi migliori. Forse difficile da cantare al primo ascolto ma assolutamente magica in alcuni dei suoi passaggi testuali.

Tiziano Ferro

  • Tim Music Awards 2022: il doppio appuntamento televisivo condotto da Carlo Conti e Vanessa Incontrada si conferma un cardine degli eventi musicali di primo rilievo della stagione televisiva italiana riuscendo ad alternare proposte di diverso genere ed efficacia ma che rappresentano la varietà della discografia attuale. Gli ascolti sono in linea con le aspettative e lo show scorre gradevolmente in ambo gli appuntamenti (pioggia esclusa).
  • Antonello Venditti e Francesco De Gregori: non era scontato il fatto che i due cantautori romani riuscissero ad amalgamarsi artisticamente così bene riuscendo a far propri vicendevolmente i rispettivi repertori. Trovarli così in sintonia fa bene alla grandezza della musica italiana che essi rappresentano. L’ultima incisione congiunta dei loro classici è l’ennesima perla che il pubblico non potrà che amare.
I FLOP:
  • Occhi grandi grandi – Francesca Michielin: il nuovo singolo della cantautrice di Bassano del Grappa è il perfetto emblema dell’evoluzione della sua musica in questi ultimi anni. Partita da una matrice pop la voce veneta si è spesso divertita a sperimentare non riuscendo a trovare sempre la giusta chiave di lettura. Il nuovo singolo è piacevole da ascoltare e ricco di quegli spunti che la ricerca ha prodotto ma che non del tutto sono stati portati a dovuta maturazione. La canzone c’è ma non convince fino in fondo. Si fa ascoltare ma non rimane e per una cantante pop non c’è niente di più importante del far ricordare le proprie canzoni.
  • Laura Pausini e Bella ciaola cantante di Solarolo in Spagna scivola su una polemica politica non voluta. In un contesto goliardico la voce de ‘La solitudine’ si rifiuta d’intonare uno dei motivetti italiani più famosi al mondo giustificandosi con la chiara connotazione politica che quel canto ha assunto nel corso del tempo. La voglia di non volersi politicamente schierare apertamente ha finito per essere interpretato proprio con l’esatto contrario e le polemiche si sono sprecate. Si sarebbe potuto gestire meglio tutto ciò? Forse si.
The following two tabs change content below.

Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

By Ilario Luisetto

Creatore e direttore di "Recensiamo Musica" dal 2012. Sanremo ed il pop (esclusivamente ed orgogliosamente italiano) sono casa mia. Mia Martini è nel mio cuore sopra ogni altra/o ma sono alla costante ricerca di nuove grandi voci. Nostalgico e sognatore amo tutto quello che nella musica è vero. Meno quello che è costruito anche se perfetto. Meglio essere che apparire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.