“Un minuto, un’età”, Fabrizio Moro canta la sua storia nel nuovo singolo “Per me” – RECENSIONE

Nuovo singolo per il cantautore romano che si prepara al Figli di nessuno – Tour

Nel bene e nel male quando Fabrizio Moro canta o scrive lo si distingue subito: c’è qualcosa nella sua voce e nella sua penna che lo rende un’artista unico nel suo genere, uno di quelli che o lo ami da impazzire o fatichi a capirlo. Concetto perfettamente applicabile anche al nuovo singolo estratto dal suo ultimo album Figli di nessuno (qui la nostra recensione). Per me è un brano tosto, diretto e soprattutto incisivo, un lavoro che prosegue con quel “pragmatismo musicale” che da sempre contraddistingue il repertorio dell’artista e che si ritrova ancora di più in questo ultimo lavoro.

“Io non ho visto il mondo, ma ho imparato a viaggiare lo stesso”, canta Moro, con la carica di chi ha dovuto conquistarsi ogni millimetro di successo con fatica e sudore, e proprio da quella fatica ha trovato la forza per andare avanti a testa bassa e a piccoli passi. Come sempre tante parole e tanti concetti che qui però restano incentrati per tutta la durata del brano sul racconto autobiografico dell’artista, come può facilmente cogliere chi lo segue da tanto. Moro si sfoga parlando di sé e lo fa senza tagli e censure: “per me che sono nato tra i mostri del bivio condizionato dalle ombre gettate sui passi che ho fatto, per un sogno enorme, enorme chiuso dentro a una scatola che non ha forme…”, fino al potente ritornello che funge da ponte perfetto tra le due strofe: “è la vita che va, un minuto, un’età”, con quel tempo che scorre inesorabile portandosi via pezzetti di vita con esperienze a volte positive e a volte negative.

Con questo brano Fabrizio Moro riesce ancora una volta ad andare a segno senza rinunciare ai suoi tratti caratteristici: tanta rabbia e tanto vissuto che però lasciano, alla fine, un senso di positività ben rappresentato dal bell’assolo di sax alla fine del secondo ritornello. Un pezzo che, come molti altri già proposti in passato dal cantautore romano, sa di vita vera e che rappresenta sicuramente uno dei capitoli più riusciti del suo ultimo lavoro di inediti.

Acquista qui il brano |

Per me | Testo

Per me che ho corso tanto
Come una preda che scappa dalla caccia
Per un rullo compressore ingolfato
Vento freddo che taglia la faccia
Per me che sono nato tra i mostri del bivio
Condizionato dalle ombre gettate sui passi che ho fatto
Per un sogno enorme, enorme
Chiuso dentro a una scatola che non ha forme
Per me cartone bruciato
Rimasugli resistenti di un destino beato
Per me sangue di un Cristo
Che sta su una croce ma non è inchiodato
Per me è la vita che va
Un minuto un’età
Per me
Con l’energia spesa nei tormenti
L’umore fra le offese e i complimenti
Con la saliva contro il pregiudizio
E la salute smarrita per colpa di un vizio
Io non ho visto il mondo
Ma ho imparato a viaggiare lo stesso
Per me licenzia media e cantieri
E ore e ore a pulire lo stesso cesso
Per me scarpe di ferro
Pesanti per muoversi in mare esistenti
Per me ago spiazzato
Sorriso di gioia coi buchi fra i denti
Per me è la vita che va
Un minuto un’età
Per me
Per me è la vita che va
Un minuto un’età
Per me
Con i pensieri sporchi ma innocenti
Con i traslochi fra gli appartamenti
E le canzoni scritte per calmare
Amori grandissimi e mai un’altare
Con l’energia spesa nei tormenti
L’umore fra le offese e i complimenti
Con la saliva contro il pregiudizio
E la salute smarrita per colpa di un vizio
È la vita che va
Un minuto un’età
Per me
Per me
È la vita che va
È la vita che va
È la vita che va
È la vita che va
The following two tabs change content below.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Francesco Cavalli

Vent'anni e una vita divisa da sempre in due passioni: calcio e musica. Studia per diventare giornalista. Apprezza la musica in tutte le sue forme ascoltando tutto ciò che passa dal suo mp3 24 ore su 24. Il suo passatempo preferito è annotare, scrivere e commentare tutta la musica che ascolta.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.