Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Se nel 2019 abbiamo celebrato i vent’anni di Io non so parlar d’amore, in questo neo arrivato 2020 festeggiamo il quarantesimo compleanno “Un po’ artista un po’ no”, album di Adriano Celentano pubblicato il primo gennaio del 1980. Avviata brillantemente la sua parallela attività cinematografica, il Molleggiato è discograficamente reduce dal successo di “Soli”, disco pubblicato l’anno precedente.

Squadra che vince non si cambia, dunque vengono confermati i due autori: Cristiano Minellono per i testi e Toto Cutugno per le musiche, con quest’ultimo che propone a Celentano la celeberrima “L’italiano”, pezzo che doveva far parte di questo lavoro ma che viene boccato dallo stesso Adriano, regalando al cantautore siciliano quello che sarà uno dei suoi più grandi successi.

In scaletta otto brani, a cominciare dalla title-trackUn po’ artista un po’ no”, manifesto celentaniano per antonomasia. Una curiosità: in copertina, insieme al molleggiato, figura una giovanissima Pamela Prati, agli esordi della sua carriera. Tra le canzoni maggiormente note del disco, splende di luce propria “Il tempo se ne va”, una delle canzoni più belle che affrontano la tematica della genitorialità, in modo particolare di un padre nei confronti di una figlia.

Tra i brani meno popolari, invece, segnaliamo “L’orologio”, “Manifesto” e “Non se ne parla nemmeno”, tre delle canzoni più riuscite sia per testo che per interpretazione. Nel complesso si tratta di un disco di buona fattura, uno degli ultimi prima di una serie di lavori minori e di un lungo periodo in cui Adriano Celentano si dedicherà molto al mondo della tv e al mondo del cinema, a discapito di buone produzioni discografiche.

Acquista qui l’album |

Un po’ artista un po’ no | Tracklist e stelline

  1. Un po’ artista un po’ no
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  2. L’orologio
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  3. Manifesto
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  4. Il tempo se ne va
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  5. Una parola non ci scappa mai
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  6. Non se ne parla nemmeno
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  7. Se non è amore
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
  8. Spettabile Signore
    (Cristiano Minellono, Toto Cutugno)
The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Di Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.