Almanacco musicale del 28 dicembre

Giorno per giorno, le curiosità, i compleanni dei personaggi più amati e le uscite da non dimenticare

Almanacco musicale del 28 dicembre

1933 – Nasce a Torino la cantante lirica Luisella Ciaffi
1947 – Nasce a Cento la cantante Didi Balboni 
1962 – Adriano Celentano è in vetta alla hit parade con “Pregherò”*
1985 – Mina e Riccardo Cocciante sono primi in classifica con “Questione di feeling”
1995 – Ci lascia il cantautore Mario Panseri
2007 – Eros Ramazzotti e Ricky Martin è in cima alle classifiche con “Non siamo soli”
2011 – I Modà dominano le classifiche con “Tappeto di fragole”
2012 – Pino Daniele incide il singolo “Non si torna indietro”
2015 – Giò Sada è tra gli artisti più trasmessi in radio con “Il rimpianto di te”
2016 – Chiara Grispo debutta in rotazione radiofonica con “Niente è impossibile”
2017 – “Eva” di Mina e Adriano Celentano è in vetta su EarOne**

*Il personaggio del giorno: Adriano Celentano

Sono trascorsi cinquantasei anni dal grande successo riscosso da “Pregherò”, brano scritto da Ricky Gianco e Don Backy ma portato al successo da Adriano Celentano. Il brano, che ottiene sin da subito un grandissimo consenso popolare arrivando a diventare uno sei 45 più venduti del 1962, è una cover in lingua italiana della celebre “Stand by me” del cantautore statunitense Ben E. King, hit planetaria pubblicata l’anno precedente.

**La canzone del giorno: Eva

“…Che danno hai fatto, indietro non si torna più
ora che il quadro è dipinto e il chiodo sta su
punto a capo per colpa di Eva
un peccato quell’ultima cena
in principio fu amore ma adesso che cos’è
io sai per colpa di Eva più pace non ho
e sguscio qui tra i ricordi di luna e falò
fotogrammi di un mondo lontano
un amore tenuto per mano
in quel mondo l’essenza di tutto eri tu

Eva accidenti a te
questa vita strana mi riporta a te
brava tu a dimenticare e a ridisegnare traiettorie nuove
amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te

Guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi oh diva dal pulpito che ho creato per te
ora che il mandorlo è in fiore, il mio fiore non c’è
qui nel giardino incantato il mio posto qual è
in rovina i miei giorni migliori
sono morsi i tuoi baci di ieri
indelebile il tempo speso insieme a te

Eva accidenti a me
la mia vita grama che non scorda te
brava, tu a dimenticare, a ridisegnare traiettorie nuove
amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te
guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi oh diva dal pulpito che ho creato per te

Eva accidenti a te
questa vita sbanda e mi riporta te
brava, tu a dimenticare, a ridisegnare traiettorie nuove.
Eva, accidenti a te…”

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.