Andrea Bocelli, venticinque anni di “Il mare calmo della sera”

Album Amarcord: i dischi più belli da riascoltare

Sono trascorsi venticinque anni dalla pubblicazione de “Il mare calmo della sera”, il progetto di lancio di Andrea Bocelli, al suo debutto discografico reduce dalla vittoria tra le Nuove Proposte di Sanremo 1994 con l’omonimo brano firmato per lui da Zucchero, conosciuto due anni prima per aver registrato il provino della celebre “Miserere”, poi cantata con il Maestro Luciano Pavarotti, e in questo lavoro proposta interamente in versione solista dal tenore toscano.

Pubblicato dalla Sugar Music il 18 aprile del 1994, il disco rappresenta una pietra miliare del genere crossover, che ha ispirato numerosi altri progetti nel mondo e che porterà Andrea Bocelli ad essere conosciuto e apprezzato a livello internazionale.

L’ascolto si apre con la celebre title track, per poi proseguire in un lungo viaggio tra pop e musica classica, tra cui spiccano brani tratti da opere di Giuseppe Verdi (“Ah, la paterna mano” tratto dalla tragedia shakespeariana “Macbeth”), di Giacomo Puccini (“E lucevan le stelle” dalla popolarissima “Tosca”), del compositore francese Georges Bizet (“La fleur que tu m’avais jetée” estratto dalla “Carmen”) e Francesco Cilea (“L’anima ho stanca” presente nell’opera lirica “Adriana Lecouvreur”).

Tra le cover spicca anche la nota “Caruso” di Lucio Dalla, mentre tra gli inediti troviamo Rapsodia, La luna che non c’è“, “Sogno eVivere, quest’ultima eseguita in duetto con la cantautrice Gerardina Trovato, ripresa in futuro in coppia con Laura Pausini nell’adattamento italo-inglese “Dare to live”.

Ottima prova d’esordio per Andrea Bocelli che, nel giro di pochi anni, diventerà uno dei nostri massimi esportatori musicali, imponendo il proprio talento italiano in tutti i cinque continenti, ambasciatore del bel canto, della melodia e della nostra innata predisposizione artistica, a metà tra la tradizione melodrammatica e la ricerca di una nuova linfa contemporanea, capace di infondere la bellezza nella maniera più trasversale e multiforme possibile.

Il mare calmo della sera | Tracklist e stelline

  1. Il mare calmo della sera 
    (Zucchero, Gian Pietro Felisatti, Gloria Nuti)
  2. Ave Maria mo morro 
    (Herivelto Martins, Aldo Locatelli)
  3. Vivere 
    (Gerardina Trovato, Angelo Anastasio, Celso Valli)
  4. Rapsodia 
    (Zucchero)
  5. La luna che non c’è 
    (Antonella Maggio, Dario Farina)
  6. Caruso 
    (Lucio Dalla)
  7. Miserere 
    (Zucchero, Bono Vox)
  8. Panis Angelicus 
    (César Franck, Felix Roach, Sylvester Wager)
  9. Ah, la paterna mano (from “Macbeth”
    (Giuseppe Verdi)
  10. E lucevan le stelle (from “Tosca”
    (Giacomo Puccini)
  11. La fleur que tu m’avais jetée (from “Carmen”
    (Georges Bizet)
  12. L’anima ho stanca (from “Adriana Lecouvreur”
    (Francesco Cilea)
  13. Sogno 
    (Giuseppe Francesco Servillo)

Acquista qui l’album |

The following two tabs change content below.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.